Ginnastica, Trofeo di Jesolo 2019: le pagelle dell’Italia. Iorio, che stoccata sugli staggi! Gemelle D’Amato sugli scudi

Nel weekend si è disputato il Trofeo di Jesolo 2019, la Classica della Polvere di Magnesio non ha deluso le aspettative e ha regalato grandi emozioni. L’Italia ha concluso al terzo posto la gara a squadre seniores alle spalle di USA e Cina, l’assenza di Giorgia Villa a causa di un infortunio dell’ultimo minuto si è fatta sentire ma le azzurre sono riuscite ugualmente a mettersi in luce. Di seguito le pagelle delle italiane scese in pedana al PalaArrex.

ALICE D’AMATO: 7,5. La migliore delle italiane sul giro completo (53.733, quinto posto), protagonista di una gara priva di cadute e assolutamente positiva. La genovese partecipa anche alla finale di specialità sugli staggi chiudendo in quinta posizione (su questo attrezzo è ormai stabilmente capace di piazzare dei 14 pesanti), impeccabile il suo doppio avvitamento al volteggio (14.633) e siamo certi che potrà crescere ancora tra trave e corpo libero dove ha ampi margini di miglioramento.

ASIA D’AMATO: 7,5. Vince la Finale di Specialità al volteggio, risultato scontato visto che era in gara solo con Carofiglio ma è un’affermazione importante perché dimostra come sia sempre difficile eseguire due salti ad alti livelli. Sabato pomeriggio è purtroppo caduta dalla trave commettendo una sbavatura ingenua ma per il resto è riuscita a mettersi in grandissima luce: davvero stupenda tra parallele (14.033, 5.8) e volteggio (14.633 col dty), frena a metà gara sui 10 cm (11.967). Apprezzabile il corpo libero (12.867), D Score un po’ basso (4.9) ed esecuzione da ripulire (7.967) ma ci sono tutte le potenzialità.

ELISA IORIO: 7,5. Il terzo posto ottenuto nella Finale di Specialità alle parallele è di assoluto spessore, pregevolissimo 14.300 (5.8 il D Score) dopo aver eseguito un esercizio di grande impatto condito da linee molto pulite e da collegamenti perfetti senza dimenticarsi che la sua nota di partenza potenziale potrebbe essere più alta di due decimi. Salire sul podio alle spalle di Lee e Tang è molto significativo e fa capire la classe dell’emiliana sugli staggi, già capace di vincere a Jesolo tra le under 16 e capace di confermarsi ai massimi livelli tra le grandi. Per quanto riguarda l’all-around del sabato: oltre al 14.067 alle parallele, peccato per un importante squilibrio alla trave che le impedisce di sfondare abbondantemente il muro dei 13 punti (si ferma a 12.733, 5.2), semplice fty al volteggio (ben eseguito, come sempre) ma aspettiamo presto un upgrade alla tavola per essere ancora più competitiva.

DESIREE CAROFIGLIO: 6/7. Buon rientro in Nazionale dopo l’infortunio, ha recuperato rapidamente e con profitto. Riesce sempre a rispondere presente al corpo libero (13.267 sabato pomeriggio), porta i due salti al volteggio, si mette in luce alle parallele (13.933, attrezzo sempre ostico per lei) e soprattutto dimostra buon piglio per l’arco dell’intero weekend. Piace per l’atteggiamento messo in pedana.

MARTINA MAGGIO: 6/7. Buon rientro in gara dopo otto mesi, si è esibita su tutti gli attrezzi dando prova di grande efficienza e soprattutto facendo intuire che è sulla strada giusta per un pronto recupero. Molto brava soprattutto alla trave come ha dimostrato in finale, al momento quello è il suo miglior esercizio e si è visto: deve continuare su questo percorso, la classe 2001 potrà togliersi delle soddisfazioni.

MARTINA BASILE: 6. Sabato da individualista, gara lineare (12.667, -, 12.967, 12.200), peccato per qualche errore di troppo. Ci si poteva aspettare qualcosina in più dalla romana che avrà modo di rifarsi.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Alessia Lunghi

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, anche Stefan Denifl e Georg Preidler coinvolti nello scandalo doping in Austria

Tiro con l’arco, Europei Indoor 2019: Massimiliano Mandia e Marco Morello incantano a Samsun nel ricurvo, ottimi risultati tra gli junior azzurri