Ginnastica, Serie A1 2019: la nuova Italia juniores brilla a Busto. Campagnaro e Cotroneo sugli scudi, tante novità in azzurro

In occasione della prima tappa della Serie A 2019 di ginnastica artistica, anche le nuove juniores di interesse nazionale sono scese in campo gara per difendere i colori delle rispettive società d’appartenenza. Ora che la famosa classe 2003 è ufficialmente diventata senior, la categoria under 16 è in mano alle giovani nate nel 2004 e 2005. Così, ad una settimana dal Trofeo Città di Jesolo, il primo incontro internazionale dedicato anche alle più giovane, le ginnaste convocate a prendere parte alla Classicissima hanno affrontato tutti e quattro gli attrezzi.

Alla prima uscita, la migliore junior è stata Camilla Campagnaro, classe 2004, stellina della società vicentina Audace, impegnata in serie A2. Con un totale di 51.300 punti, Camilla ha ottenuto il primo punteggio al volteggio (14.350), grazie ad un buonissimo doppio avvitamento, il secondo alle parallele (12.350) e alla trave (12.500) ed un buon, ma ancora migliorabile, 12.100 al corpo libero. Camilla si è così ufficialmente candidata ad essere una delle titolari della nuova squadra nazionale junior.

Grande prova di carattere anche per la romana Giulia Cotroneo (As Gin Civitavecchia), che ha ottenuto il secondo punteggio all-around (51.150), il primo al corpo libero (13.200), il secondo alla trave (12.450) e il secondo alle parallele (12.350). La sicurezza sull’attrezzo e l’espressività di Giulia, altra ginnasta classe 2004, fanno di lei una “garista”, una di quelle personalità che all’interno di una squadra sono sempre fondamentali.

Eleganza e linee pressoché perfette sono invece le particolarità di Alessia Federici (Pro Patria), in prestito alla Società Artistica ’81 Trieste. Alessia, già campionessa europea con la squadra junior, a Busto ha pagato una caduta dalla serie ribaltata salto avanti in trave e un errore sul giro alle parallele. Queste imprecisioni hanno purtroppo compromesso il suo punteggio nel giro completo (50.100), ma le difficoltà dei suoi esercizi le hanno comunque permesso di ottenere il parziale più alto alle parallele (12.950) e il secondo al corpo libero (12.850).

Fra le nate nel 2005 meritano di essere menzionate India Bandiera, Veronica Mandriota e Chiara Vincenzi. La migliore delle neo-juniores è stata la romana, in forza alla Olos Gym 2000, con un totale di 49.550. Già nota per le sue splendide linee alle parallele, India ha ottenuto il miglior punteggio proprio agli staggi (12.950). Molto interessante anche il volteggio, dove grazie ad un avvitamento da 8.8 di esecuzione si è assicurata il secondo punteggio (13.400). L’azzurrina, allenata dai tecnici dell’Accademia di Roma, ha purtroppo pagato qualche errore di troppo alla trave, ma ha dei buonissimi margini di miglioramento.

Subito dietro a lei, troviamo l’amica e compagna di collegiali, Veronica Mandriota (Brixia), in prestito alla Polisportiva Fino Mornasco che, dopo un anno di stop dovuto ad un infortunio al gomito, ha chiuso la gara con un buonissimo 49.250, totale che ha visto nella trave il parziale più alto fra le juniores (13.200), nonché il terzo miglior punteggio in assoluto in questa specialità. Per quanto riguarda invece, Chiara Vincenzi dell’As Gin Civitavecchia, non è possibile analizzare il punteggio all-around, in quanto a Busto è stata schierata solo su due attrezzi: al volteggio, dove ha conseguito un buon 13.100, e al corpo libero, dove ha dominato con un ottimo 12.950.

Convocate a prendere parte al collegiale di preparazione al Trofeo di Jesolo anche Micol Minotti (Centro Sport Bollate) e Angela Andreoli (Brixia).  La prima purtroppo, per quanto presente a Busto, a causa di una caduta dalla serie acrobatica flic tempo doppio raccolto, non ha poi continuato la gara e quindi, per ora, non si hanno punteggi che la riguardano. Scelta più che giusta, in quanto mirata a preservare la ginnasta da ulteriori stress fisici. Ancora nessun riscontro con le “big” nemmeno per Angela Andreoli, oro nella prima prova regionale di categoria junior, ma riserva nella prima di serie A.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Break dance alle Olimpiadi 2024? Quante proteste in Francia: bocce, squash e biliardo insorgono

MotoGP, Test Losail 2019: Andrea Dovizioso fa il compitino e non si cura troppo del cronometro