Sci alpino, Gigante Kronplatz 2019: Marta Bassino torna sul podio dopo quasi 2 anni! Shiffrin inarrestabile: vittoria n.53

USA's Mikaela Shiffrin competes in the first run of the Women's Giant Slalom event of the FIS Alpine skiing World Cup in Plan de Corones (Kronplatz), Italian Alps, on January 15, 2019. (Photo by Tiziana FABI / AFP)


A Kronplatz Mikaela Shiffrin detta per l’ennesima volta legge e domina il difficilissimo gigante di Coppa del Mondo di sci alpino sulla Erta, firmando la vittoria numero 53 in carriera nel circuito maggiore, l’ottava tra le porte larghe. La campionessa olimpica della specialità, dopo aver ipotecato il trionfo già nella prima manche, conclusa con una vantaggio di 1″39 sulla prima delle inseguitrici, ha dato la sensazione di amministrare nella seconda discesa: senza prendersi particolari rischi, è giunta al traguardo con 1″21 sulla francese Tessa Worley, quest’ultima autrice del miglior crono assoluto nella frazione conclusiva.

E’ una giornata positiva anche per l’Italia, che riabbraccia finalmente una super Marta Bassino. La piemontese è tornata sul podio a distanza di quasi due anni dall’ultima volta in gigante (fu terza nella gara della mitica tripletta italiana con Federica Brignone e Sogia Goggia ad Aspen), mentre l’ultima top3 in Coppa del Mondo risaliva alla passata stagione, quando fu seconda in combinata a Lenzerheide. Dopo un avvio di annata complicato, in cui ha patito molto anche dal punto di vista tecnico, l’azzurra è letteralmente rinata, incantando per la fluidità d’azione con cui ha affrontato il muro. Il tendine d’Achille resta quello dei tratti in piano, dove perde una quantità di decimi eccessiva rispetto alle altre big del circuito. Il terzo posto odierno, staccata di 1″57 dalla Shiffrin, può rappresentare una svolta mentale in vista dei Mondiali di Are.

La slovacca Petra Vlhova, quarta a ben 2″06 dalla vetta, conferma che il trionfo di Semmering non era stato un caso: sta rapidamente raggiungendo l’apice anche in questa specialità, sfruttando una potenza fuori dal comune. La tedesca Viktoria Rebensburg, quinta, ha recuperato due posizioni rispetto alla prima manche, anche se sul muro non ha brillato: per lei un gap di 2″31.

Giornata poco brillante per Federica Brignone, sesta a 2″36. Si tratta della terza gara consecutiva senza andare a podio per l’italiana, evidentemente in calo rispetto all’ottimo avvio di stagione: la sensazione è che il ritrovarsi in lizza per la Coppa del Mondo di gigante abbia in qualche modo influito mentalmente sulle prestazioni della milanese. Oggi la classe 1990 ha sciato sulla difensiva nella prima frazione, mentre nella seconda, pur cambiano approccio, è apparsa troppo rotonda in curva, non riuscendo mai a sviluppare la velocità necessaria per ottenere un risultato migliore.

Altre due azzurre sono entrate nella zona punti: 14ma Francesca Marsaglia, alla miglior prestazione stagionale in gigante, e 17ma Karoline Pichler, mai così bene in carriera e tornata nella top30 dopo oltre 4 anni ed una serie infinita di infortuni.

Se Mikaela Shiffrin comanda la graduatoria generale di Coppa del Mondo in totale sicurezza con 1394 punti (+496 sulla Vlhova), l’americana ha preso la leadership anche della graduatoria di specialità di gigante con 355, appena 10 lunghezze di margine sulla Worley. Brignone scende in terza piazza a -45: a tre gare dal termine della stagione il sogno sfera di cristallo resta possibile, anche se l’impresa si è decisamente complicata.

federico.militello@oasport.it

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLA SECONDA MANCHE DI MARTA BASSINO

CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE AGGIORNATE DI COPPA DEL MONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Lascia un commento

scroll to top