Ciclismo, ottimismo sulle condizioni di Samuele Manfredi: ridotto l’edema cerebrale, buone risposte del giovane



C’è ottimismo in merito alle condizioni di Samuele Manfredi, il ciclista ricoverato in ospedale dopo un gravissimo incidente occorsogli mentre si stava allenando nei pressi della sua Toirano. Il ragazzo si trova in coma farmacologico presso il Santa Corona di Pietra Ligure, i medici sono intervenuti chirurgicamente per ridurre la pressione intracranica e stabilizzare il quadro clinico. La Tac effettuata ieri pomeriggio ha dato risposte incoraggianti, l’edema cerebrale è stato ridotto e il fisico del 18enne reagisce positivamente come riporta la Gazzetta dello Sport.


La speranza è che il vincitore della Gand-Wevelgem tra gli juniores, una delle grandi promesse del ciclismo italiano, riesca a risvegliarsi e a riprendersi dopo il violento scontro con un’automobile che gli ha procurato anche delle fratture al naso e a un ginocchio. Il ragazzo è comunque in ottime mani visto che è seguito dall’equipe del reparto di rianimazione guidata dal dottore Giorgio Barabino, colui che si prese cura di Robert Kubica dopo il brutto incidente al rally di Andora. Nel frattempo grande ondata di affetto da parte del mondo del ciclismo nei confronti di Samuele Manfredi ma non manca la riflessione in merito alla poca sicurezza sulle strade, i numeri sono davvero da brividi: 254 ciclisti morti nel 2017 (tra cui Michele Scarponi), uno ogni 34 ore. Si parla già da tempo della famosa legge salvaciclisti ma per il momento nulla cambia.

Loading...
Loading...

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top