Biathlon, Fabrizio Curtaz: “Le vittorie ci danno grande fiducia, Italia ripartita alla grande. Wierer, è l’anno giusto”

Foto: Nicolò Persico


Giornata indimenticabile per l’Italia che ha vinto la staffetta femminile di Hochfilzen, prova valida per la Coppa del Mondo 2018-2019 di biathlon. Le azzurre sono semplicemente state sublime in terra austriaca e sono riuscite a porre il proprio sigillo grazie a una pova compatta di squadra trascinate da un’incredibile Dorothea Wierer che in terza farzione ha fatto fuoco e fiamme. Lisa Vittozzi, Federica Sanfilippo e Alexia Runggaldier non hanno deluso le aspettative e sono state pedine fondamentali per il successo della nostra Nazionale che ha iniziato la stagione davvero alla grande e che si lancia con grande convinzione verso l’appuntamento di Nove Mesto prima delle festività nazionale.

Oggi a parlare ai microfoni della Fisi è stato il direttore tecnico Fabrizio Curtaz:Questi risultati ci stanno dando una grande fiducia perché la scorsa stagione abbiamo chiuso con le Olimpiadi coreane un ciclo di quattro anni che aveva dato risultati eccellenti e per noi era importante ripartire bene. Il nuovo staff si è rivelato ancora una volta all’altezza, avevamo cambiato tanto a cominciare dagli allenatori per continuare con lo staff e non era facile, per gli atleti queste conferme danno loro la fiducia per continuare a lavorare in serenità“.

Il DT si sofferma anche sulle singole atlete:Stiamo vedendo una nuova Wierer che sta mettendo in pista una grinta mai avuta negli anni scorsi, è molto determinata, sembra quasi che le sia scattato qualcosa nella testa. Lo abbiamo visto nella pursuit, quando ha reagito alle difficoltà nella maniera giusta, penso sia l’anno giusto per fare il salto definitivo. Vittozzi ha ancora fatto un passo in avanti, sta crescendo continuamente, è vero che forse è un po’ sfortunata, ma è anche vero che è sempre nelle prime sei. Ormai è stabilmente fra le migliori e prima o poi sono convinto che centrerà il bersaglio grosso. Sanfilippo ha dato risposte importanti in questo fine settimana, con miglioramenti nella gestione della gara, lo ha mostrato oggi, rimanendo tranquilla e lucida, spero stia maturando. Runggaldier è sicuramente l’atleta che sta vivendo un momento di difficoltà a livello fisico e noi tecnici ne siamo ben consci. Ha avuto un problema in autunno ed è un filo in ritardo rispetto alle altre compagne, aspettiamo dopo Natale per averla a livelli superiori. Adesso ci aspetta l’appuntamento di Nove Mesto, avremo lo stesso gruppo femminile e la consapevolezza di volere fare un altro passettino in avanti“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top