Karate, Premier League 2018: Italia bella da impazzire! Crescenzo, Maresca e donne del kata in trionfo! Otto podi azzurri a Berlino

12622155_10207434687138826_685963715629882112_o.jpg

Italia bella da impazzire a Berlino, sede della sesta tappa della Premier League 2018 di karate. Sono ben otto i podi conquistati dagli azzurri, che hanno prevalso in sette tra le otto finali in programma oggi, collezionando anche tre straordinarie vittorie. Ad apporre il proprio marchio indelebile a Berlino sono stati soprattutto due straordinari interpreti della disciplina nelle categorie “leggere”, ossia Angelo Crescenzo e Luca Maresca, entrambi saliti sul gradino più alto del podio.

Crescenzo si è imposto nella finale della categoria -60 kg, superando 5-4 il giapponese Kozaki al termine di una finale davvero entusiasmante, in cui l’azzurro ha mantenuto il sangue freddo contro un avversario dotato di grande tecnica. Crescenzo, in tal modo, si conferma una delle punte di un movimento che ormai ambisce al podio in ogni categoria e si conferma ai vertici del panorama internazionale.

Ancora più palpitante la finale che ha visto trionfare Luca Maresca ai danni del brasiliano Figueira nella categoria -67 kg. Maresca si è imposto per aver conquistato il primo punto nell’ultimo atto, concluso 1-1, e si conferma così nuovamente al top nel panorama mondiale dopo i problemi fisici che hanno condizionato gli ultimi anni e il recente salto di categoria. Il terzo sigillo reca il marchio del team femminile del kata, che ha letteralmente schiantato la Russia per 5-0 in una finale senza storia che consolida la supremazia italiana nella prova a squadre. Niente da fare, invece, per Clio Ferracuti, che ha concluso con un comunque eccellente secondo posto nella categoria +68 kg, avendo ceduto per 5-1 in finale contro la giapponese Uekusa.

Sul terzo gradino del podio, invece, è salita Sara Cardin (-55 kg), strepitosa nell’imporre la sua supremazia alla spagnola Fernandez in un match concluso sul 2-2 ma col primo punto in favore della campionessa azzurra. Stesso discorso per Silvia Semeraro, terza nei -68 kg grazie alla vittoria autorevole per 3-1 contro la slovacca Kopunova. Ottime notizie anche da Viviana Bottaro, che nel kata ha conquistato la terza piazza superando la giapponese Ohuchi con un perentorio 5-0, risultato identico a quello della squadra maschile del kata, salita sul terzo gradino del podio grazie alla netta vittoria contro la Russia.

L’exploit azzurro è ancor più confortante se si considera che la tappa di Berlino rappresenta il primo importante appuntamento che assegna punti per il ranking olimpico in chiave Tokyo 2020, dove l’Italia può davvero sognare di fare incetta di medaglie.





mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: WKF

Lascia un commento

scroll to top