Softball, Mondiali 2018: colpaccio sfiorato per l’Italia. L’Australia rimonta e vince al tie-break

Sconfitta a dir poco amara per l’Italia nel secondo match dei Mondiali di softball di China, in Giappone. Le azzurre sono state battute dall’Australia per 3-2 al tie-break in modo rocambolesco e bruciante. Dopo un avvio da sogno, le ragazze di Enrico Obletter si sono trovate in vantaggio per 2-0 alla fine del primo inning; poi, però, le Aussie sono pian piano risalite, sfruttando due errori della difesa azzurra, fino ad operare il sorpasso nell’ottava ripresa. Una partita giocata alla grande dall’Italia, alla pari con una delle migliori Nazionali del mondo; ma anche una sconfitta che sa tanto di occasione persa.

A confezionare una partenza a dir poco perfetta erano stati due fuoricampo consecutivi di Amanda Fama ed Erika Piancastelli, che hanno scompaginato il copione e costretto l’Australia a cambiare subito in pedana, togliendo la partente Ellen Roberts. Obletter si è affidato ad Ilaria Cacciamani, che nelle prime tre riprese è stata ingiocabile (eccetto un paio di basi ball concesse), tenendo a zero l’attacco aussie. Le difficoltà sono arrivate al quarto, gestite però bene da Obletter, perché dopo la base ball per Warwick e la valida di Sorensen, il manager azzurro ha inserito Greta Cecchetti brava a togliere le castagne dal fuoco.

Tutto perfetto, poi al quinto inning il sogno azzurro di vincere e alimentare le speranze di superare il turno ha cominciato ad infrangersi. Al quinto è arrivato il primo punto australiano, con Stacey Porter (in base per un errore di Lara Cecchetti su una rimbalzante) a segno sulla valida di Jade Wall, che ha ribaltato l’inerzia della partita insieme al secondo cambio in pedana per le Aussie, con Kaia Parnaby entrata al posto di Smethurst, che comunque nulla aveva concesso. Da quel momento, infatti, l’Italia ha messo a segno una sola valida, con Marta Gasparotto al sesto, mentre nel settimo è stata ancora l’Australia ad andare a segno, ancora con Porter, stavolta in situazione di basi piene (decisione discussa per uno strike trasformato in base ball per Wall), ancora sfruttando un errore della difesa azzurra (assistenza di Rotondo, errore di Gasparotto, brava comunque ad eliminare Godfrey ed evitare guai peggiori).

Beffa soltanto rimandata, però, perché al primo attacco supplementare è stata Warwick a firmare il successo dell’Australia. Un successo che fa male all’Italia, che per metà partita era stata perfetta, ma che proprio nel momento chiave della partita ha commesso due errori pagati a caro prezzo. Una lezione che senza dubbio servirà per la crescita, ma che lascia anche dolore e delusione. Serve ripartire subito, però, perché le azzurre sono attese dal secondo impegno di giornata contro il Canada.

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL SOFTBALL

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIBS – MG/Oldmanagency

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuoto, Europei 2018. Simona Quadarella punta in alto negli 800. Sarà rivincita con la Koehler?

Tennis, ATP Los Cabos 2018: Fabio Fognini è in finale! Sfiderà Juan Martin Del Potro per il titolo