Basket NBA: Sergio Scariolo sarà assistente di Nick Nurse ai Toronto Raptors, è il secondo allenatore italiano dopo Messina a fare il grande salto

Non c’è più soltanto Ettore Messina tra gli allenatori italiani sbarcati nella NBA. Da poche ore, anche Sergio Scariolo è arrivato ufficialmente nella massima lega professionistica americana. La destinazione, per il coach bresciano, è quella dei Toronto Raptors col ruolo di vice di Nick Nurse. Stando alle notizie provenienti dall’altra parte dell’Oceano, Scariolo sarebbe stato fortemente voluto dal GM dei Raptors, Masai Ujiri.

Scariolo, in carriera, è stato seduto su parecchie panchine italiane e straniere. In Italia ha vinto uno scudetto con Pesaro nel 1991, poi è andato a Desio e alla Fortitudo Bologna, prima di intraprendere il viaggio verso la Spagna. In terra iberica, Scariolo ha allenato il Baskonia di Vitoria (l’allora Tau, che vinse la Copa del Rey 1999), il Real Madrid (con cui ha vinto la Liga ACB nel 2000) e l’Unicaja Malaga, che ha trascinato alle Final Four di Eurolega nel 2007 dopo aver vinto campionato e coppa nazionale nel 2005-06. Nel 2008 è stato chiamato al Khimki Mosca, per poi tornare in Italia, a Milano, dal 2011 al 2013, subendo un paio di delusioni cocenti. L’ultimo suo impegno di club è stato quello con il Baskonia, nella stagione 2013-14.

Scariolo è stato l’allenatore della Spagna dei grandi successi tra il 2009 e il 2012 e tra il 2015 e oggi. Il palmares con le Furie Rosse parla di tre vittorie e un terzo posto agli Europei, nonché di un argento (Londra 2012) e un bronzo (Rio 2016) alle Olimpiadi.

Sarà proprio con la federazione spagnola che Scariolo rescinderà entro pochi giorni, dopo che ci sarà stato un incontro tra l’allenatore e Jorge Garbajosa, ex gloria del basket spagnolo e della Benetton Treviso, ma anche ex giocatore dei Raptors, oggi diventato presidente federale.

C’è un filo curioso che lega Toronto all’Italia: fu Maurizio Gherardini il primo ad approdare in Canada. La prima cosa che fece fu quella di portarsi dietro Bargnani con la prima scelta assoluta al draft 2006, poi trasformò i Raptors in una specie di colonia europea, quindi prese anche Belinelli nella stagione 2009-10, dopo le due difficili stagioni ai Golden State Warriors.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2018, Vincenzo Nibali: “C’erano le moto, la strada era stretta e sono caduto. La gamba era ottima”

Tour de France 2018, Geraint Thomas: “Non ho parole, una vittoria incredibile, ma continuo a correre per Froome”