Volley, Champions League 2018: Final Four da sballo, Perugia e Civitanova per l’impresa. Zenit Kazan favorito in casa



Nel weekend del 12-13 maggio si giocherà la Final Four della Champions League 2017 di volley maschile. A ospitare l’evento sarà la Basketball Arena di Kazan dove le migliori quattro squadre del Vecchio Continente si sfideranno per la conquista del trofeo più ambito: Zenit Kazan, Perugia, Civitanova, ZAKSA Kedzierzyn-Kozle. Il meglio del meglio, il podio della passata edizione a cui si sono aggiunti i polacchi. Ci aspettano delle partite davvero spettacolari, equilibrate e intense che chiuderanno al meglio la stagione riservata ai club.

Si incomincia con le semifinali: Perugia, fresca vincitrice dello scudetto, se la dovrà vedere con lo Zenit Kazan, padrone di casa e vincitore delle ultime tre Champions League; Civitanova, amareggiata per aver perso il tricolore contro la Sir, affronterà lo ZAKSA di coach Andrea Gardini che ha a sorpresa perso lo scudetto contro il Belchatow di Piazza.

Loading...
Loading...

Perugia-Kazan è la rivincita della Finale dello scorso anno giocata a Roma, i russi dominarono la scena ma questa volta i Block Devils hanno tutte le carte in regola per fare l’impresa contro la corazzata di coach Alekno che ha vinto titolo nazionale, Coppa Nazionale e Mondiale con grande disinvoltura e ora va a caccia di un leggendario poker continentale consecutivo di fronte al proprio pubblico. Una formazione spaventosa con lo schiacciatore Leon che affronterà la sua futura squadra (nel weekend è previsto l’annuncio ufficiale da parte di Gino Sirci) affiancato dal colosso Matt Anderson, Maxim Mikhaylov è un micidiale opposto in grande di mettere a segno vagonate di punti, attenzione anche al palleggiatore Alexander Butko e al libero Alexey Verbov mentre al centro giocano Artem Volvich e Alexaner Gutsalyuk. Perugia avrà bisogno dei migliori Aleksandar Atanasijevic e Ivan Zaytsev (al centro della nota querelle per il rinnovo di contratto), servirà una sontuosa regia di Luciano De Cecco, i muri di Marko Podrascanin e Simone Anzani saranno determinanti, servono i miracoli di Massimo Colaci sulle bordate avversarie.

Il compito di Civitanova sembra invece più agevole in semifinale: lo ZAKSA non è di certo una corazzata ma va comunque preso con le pinze, non vanno sottovalutati uomini d’attacco importanti come Maurice Torres, Sam Deroo e Rafal Buszek oltre al concreto Mateusz Bieniek e alla regia di Benjamin Toniutti. La Lube, lo scorso anno eliminata in semifinale da Perugia, si affiderà naturalmente a Osmany Juantorena e Tsvetan Sokolov che dovranno alzare il tiro: riusciranno a rialzarsi dalla scoppola subita al PalaEvangelisti?

 

CLICCA QUI PER CALENDARIO, PROGRAMMA, ORARI E TV

 





(foto Valerio Origo)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Loading...

Lascia un commento

scroll to top