Giro d’Italia 2018, risultato 13a tappa: Elia Viviani vince di rabbia e consolida la maglia ciclamino


Elia Viviani torna a dettare legge in volata al Giro d’Italia 2018. Il corridore della Quick-Step Floors conquista la tredicesima tappa imponendosi allo sprint sul traguardo di Nervesa della Battaglia. Per il 29enne veneto si tratta del terzo successo in questa Corsa Rosa dopo i due ottenuti in Israele sugli arrivi di Tel Aviv ed Eilat. Alle sue spalle si piazzano l’irlandese Sam Bennett e l’olandese Danny van Poppel. Nessun cambiamento nella classifica generale con il britannico Simon Yates che resta in maglia rosa in attesta del durissimo arrivo sullo Zoncolan di domani.

La fuga di giornata parte dopo una decina di chilometri formata da cinque corridori: Andrea Vendrame (Androni-Sidermec), Alessandro Tonelli (Bardiani-Csf), Markel Irizar (Trek-Segafredo), Marco Marcato (UAE Emirates) ed Eughert Zhupa (Wilier-Selle Italia). Il vantaggio sale rapidamente e poi si stabilizza attorno ai 3’, con Bora-Hansgrohe e Quick-Step Floors che tengono sotto controllo la situazione. Il traguardo volante di Piove di Sacco viene vinto da Marcato, mentre quello di Villorba da Zhupa.

Negli ultimi 50 km il gruppo cambia ritmo e inizia il vero inseguimento. Ai -28 km Tony Martin (Katusha – Alpecin) scatta dalla testa del plotone e viene seguito da Eros Capecchi (Quick-Step Floors), Davide Ballerini (Androni-Sidermec) e Krists Neilands (Israel Cycling Academy). Questo tentativo dura solo pochi chilometri e viene annullato sulla salita del Montello. Sul GPM transita primo Vendrame che insieme ai compagni di fuga mantiene una ventina di secondi di vantaggio. L’inseguimento del gruppo si completa a sei chilometri dal traguardo, quando vengono ripresi i cinque fuggitivi.

Sotto lo striscione dell’ultimo chilometro scatta Marco Coledan (Wilier Triestina – Selle Italia), che prova ad anticipare il gruppo con un attacco da finisseur. La volata viene lanciata ai 250 metri da Sacha Modolo (EF Education First-Drapac p/b Cannondale), che parte lungo e salta a doppia velocità Coledan. Alla sua ruota si piazza alla perfezione Elia Viviani (Quick-Step Floors), che con un grandissimo spunto negli ultimi metri va a vincere di rabbia questo sprint. Inutile il tentativo di rimonta di Sam Bennett (Bora-Hansgrohe), che si deve accontentare oggi del secondo posto. Completa il podio di giornata Danny van Poppel (Team LottoNL-Jumbo) davanti a Modolo. Invariata quindi la classifica generale con Simon Yates (Mitchelton-Scott) che resta al comando con 47” di vantaggio su Tom Dumoulin (Sunweb) e 1’04” su Thibaut Pinot (Groupama – FDJ).

 

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL GIRO D’ITALIA

 





 

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top