VIDEO Nuoto, Campionati Italiani 2018: il film della quinta giornata. Scozzoli: “Il segreto è amare il duro lavoro”; Paltrinieri: “A Glasgow sarò in forma”

fabio-scozzoli-e1523465830519.jpg

Eccovi tutte le impressioni a caldo dei protagonisti della prima giornata degli Assoluti di Riccione 2018: emozioni condensate in poche parole ma significative. Guardiamole insieme nel nostro film del day-5

 

FABIO SCOZZOLI

Un Fabio Scozzoli strepitoso! Il campione di Lugo, dopo aver estasiato nei 100 rana (59″33, quarto tempo al mondo nel 2018), si ripete nei 50 metri (rana) ottenendo il nuovo primato italiano di 26″73, aprendo letteralmente le acque romagnole dello Stadio del Nuoto di Riccione. Il segreto del successo nel duro lavoro e nell’entusiasmo nel nuotare.

 

 

ARIANNA CASTIGLIONI-MARTINA CARRARO

Arianna Castiglioni trionfa nella finale dei 50 rana donne con il crono di 30″67. La lombarda, grazie ad uno splendida progressione nei secondi 25 metri, ha fatto la differenza rispetto a Martina Carraro, chiudendo con il crono di 30″67 (sesta prestazione mondiale del 2018). La genovese abbatte, anche lei, la barriera dei 31″ (30″93), conquistando il pass per gli Europei di Glasgow (3-9 agosto) insieme alla vincitrice. Le due ragazze nostrane lanciano il guanto di sfida alle rivali del Vecchio Continente.

 

 

SIMONA QUADARELLA

E’ insaziabile l’azzurra e fa sua anche questa gara dopo gli 800 e 1500 stile libero. La romana migliora di circa un secondo e mezzo il proprio personale e sigla il crono di 4’06″78 (record italiano “Cadetti”), sesta prestazione mondiale del 2018 nelle otto vasche. Un gara impostata sul passo dei 31″5 dalla medaglia di bronzo ai Mondiali 2017 e suggellata da un’ottima chiusura in 30″04, nell’ultimo 50 metri. Un risultato che conforta la ragazza nostrana sul lavoro fatto e la motiva a perseverare.

 

 

 

FEDERICO TURRINI

Di grinta e determinazione il toscano centra l’ennesimo titolo italiano nell’alternarsi degli stili. Classe ’87, grazie a quattro frazioni solide, Turrini esprime tutto la propria soddisfazione.

 

 

MARGHERITA PANZIERA

Attendeva da tanto le quattro vasche a dorso la veneta ed il risultato finale le sorride. La primatista italica dei 100 dorso si migliora anche in questo caso, abbattendo il muro dei 2’09” e realizzando il crono di 2’08″99, abbassando il proprio personale di 2’09″43. Un riscontro che la colloca nella top10 al mondo di questa specialità nel 2018 (9° posto).

 

 

GREGORIO PALTRINIERI

Eccoci alle trenta vasche più attese con “Sua Maestà” Gregorio Paltrinieri. Il riscontro finale è il seguente: 14’50″35.  Il campione del mondo, olimpico ed europeo conferma, dunque, il titolo in Italia pur non sembrando brillantissimo. Dopo un avvio scandito da un ritmo da 29″5 per vasca, Greg ha alzato i propri riferimenti dagli 800 metri in avanti. Un calo dettato da una condizione non al 100% che comunque non gli ha impedito di ottenere un tempo più che buono (14’50″35, quarto al mondo in questo 2018 davanti al suo grande rivale, l’ucraino Mykhailo Romanchuk). Gli Europei di Glasgow (3-9 agosto) sono ancora distanti e ci sarà ancora molto da fare. “Penso che sia normale non essere brillantissimi. La nuotata è da mettere a posto ma 14’50 non è un tempaccio, considerando il momento della stagione. A Glasgow sarò in forma”.

 

ELENA DE LIDDO

Di Liddo fa suoi i 50 farfalla donne in 26″48. L’atleta del Circolo Canottieri Aniene, grazie ad un’ottima uscita dalla subacquea, guadagna un margine incolmabile per Ilaria Bianchi (26″66) e si toglie la soddisfazione di mettere la mano davanti alla rivale.

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NUOTO

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Enrico Spada

Lascia un commento

scroll to top