Jean Todt appoggia Fernando Alonso: “Bene che faccia altre gare al di fuori del Mondiale F1”


Jean Todt, presidente della FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile), ha rilasciato un’intervista al sito della testata iberica Marca.com, in cui parla di Fernando Alonso. Il francese apprezza positivamente che lo spagnolo combini le gare del Mondiale di F1 con altre competizioni.

Il transalpino ha infatti dichiarato: “È una decisione molto personale, e dobbiamo rispettarla, ma penso che sia un bene per le corse: Alonso è uno dei nostri ambasciatori in termini di sicurezza stradale, ed è molto interessato a promuovere gli sport motoristici. Ha un circuito importante e una grande accademia di go-kart in Spagna, ed ha appena lanciato un importante programma poche settimane fa in Cina. Lui è un pilota, ama gli sport motoristici, non posso giudicarlo“.

Todt ha ribadito che nei decenni scorsi questa pratica di correre in diversi campionati era abituale: “Oggi suona strano, ma 20 o 30 anni fa molti dei piloti di F1 hanno anche gareggiato in altri campionati. Abbiamo fatto un sacco di test in F1 ed ora sono quasi finiti, quindi penso che sia una scelta personale: se lui lo vuole ed il suo team lo consente, è fantastico che lo faccia. Io personalmente glielo avrei permesso, perché è importante ottenere il meglio da ogni pilota e per questo devi dargli libertà e supporto, quindi penso che possa fare quello che fa“.

Positiva per il francese anche la partecipazione dell’iberico alla 500 Miglia di indianapolis: “Anche Kimi Raikkonen ha corso dei rally: è come se Usain Bolt dopo essere stato il migliore al mondo nei 100 metri piani, decidesse di correre la maratona. Non vincerebbe, è molto difficile che accada, è una categoria diversa, e bisogna essere molto coraggiosi per fare una scelta del genere, per cui insisto: è una nuova esperienza“.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

roberto.santangelo@oasport.it

 

Lascia un commento

scroll to top