Show Player

Giro dei Paesi Baschi 2018: terza tappa a Jay McCarthy, battuto il giovanissimo Riabushenko



Terza tappa per il Giro dei Paesi Baschi: partenza da Bermeo e arrivo in quel di Valdegovía per una frazione con molti saliscendi, senza però una salita vera e propria che potesse fare la differenza. In uno sprint praticamente compatto a spuntarla è stato Jay McCarthy (Bora-hansgrohe) che ha lanciato lunghissimo la volata e ha resistito alla rimonta degli avversari più veloci. Resta ovviamente in maglia di leader Julian Alaphilippe (Quick-Step Floors).

Solito scenario per le prime fasi di gara, parte subito una fuga, anche abbastanza corposa. All’attacco Pavel Sivakov (Sky), Ion Irisarri (CajaRural-RGA), Aritz Bagues (Euskadi), Ben King (Dimension Data), Brendan Canty (EF-Drapac), Willie Smit (Katusha-Alpecin), Chris Juul-Jensen (Mitchelton-Scott), Thomas De Gendt (Lotto Soudal). Il plotone, guidato ovviamente dalla Quick-Step Floors, ha gestito la situazione lasciando a circa 5′ i fuggitivi, salvo poi aumentare l’andatura riportandosi ad uno scarto minimo.

Loading...
Loading...

Le difficoltà altimetriche nella fase finale della tappa hanno ovviamente dimezzato il gruppetto al comando: sono rimasti solamente De Gendt e Juul-Jensen. Nel frattempo alle loro spalle si è mosso il Team Sky che ha lanciato all’attacco la coppia formata da Michal Kwiatkowski e David de la Cruz: i due hanno raggiunto la coppia al comando formando un quartetto. Ad inseguire, mentre sui corridori è arrivata la pioggia, è stata la solita Quick-Step.

Tanta fatica per niente per De La Cruz che non è riuscito a guadagnare troppo spazio sugli inseguitori: su di lui ha provato a riportarsi il contrattaccante Dylan Teuns (BMC), che però è rimbalzato dopo lo scatto. La Movistar ha contribuito al lavoro con una trenata che ha lanciato José Rojas, il primo a raggiungere gli attaccanti. Gruppo compatto però ai 2 chilometri dall’arrivo, lanciatissimo verso una volata di gruppo.

A prenderla davanti è stato Jay McCarthy (Bora-hansgrohe), che ha lanciato uno sprint clamoroso a 300 metri dal traguardo con il quale ha resistito a tutti i rivali. Battuti il giovanissimo bielorusso Aleksandr Riabushenko (UAE Emirates) e un instancabile Michal Kwiatkowski (Team Sky). Il migliore degli azzurri Enrico Battaglin, decimo.

 





CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI DI CICLISMO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Bora

Loading...

Lascia un commento

scroll to top