Basket, Eurocup 2018: Torino perde con lo Zenit ed è eliminata. Trento saluta con una sconfitta



Serata negativa per l’Italia in Eurocup. Torino e Trento sono state entrambe sconfitte. Se per i dolomitici il ko è quasi indolore, essendo già eliminati, fa male invece alla Fiat, che ha salutato così la competizione. La squadra piemontese è stata battuta dallo Zenit in quello che era un vero e proprio scontro diretto. Un’eliminazione che arriva dopo il caos delle ultime settimane, con le dimissioni di Luca Banchi e, due giorni fa, di Carlo Recalcati.

La Fiat entrava in campo spalle al muro, obbligata a vincere e ribaltare il -11 dell’andata. Non il debutto ideale in panchina per Paolo Galbiati, eppure è stata una partita ben giocata dai padroni di casa, che hanno messo in campo un grande cuore ed una volontà encomiabile. Purtroppo non è bastato, nonostante il vantaggio di Torino fosse di 11 punti all’intervallo (47-36), un margine frutto del talento offensivo di Garrett e Washington. L’intervallo, però, ha ribaltato l’incontro: i russi ci hanno messo poco per ritrovare il vantaggio. Il parziale del terzo periodo è stato di 29-9. Troppo per la Fiat, che ha così dovuto rinunciare ai sogni di gloria. Lo Zenit si è messo in controllo e solo nel finale la squadra di casa è riuscita ad accorciare per ridurre il gap. Il risultato, però, ha condannato Torino alla sesta sconfitta consecutiva e ad un’eliminazione cocente.

Loading...
Loading...

Il tabellino

Fiat Torino – Zenit San Pietroburgo 73-87 (22-18, 25-18, 9-29, 17-22)

Torino: Garrett 21, Vujacic 4, Poeta 2, Stephens 0, Patterson 17, Wasghington 13, Okeke David 3, Jones ne, Mazzola 3, Mbakwe 2, Iannuzzi 8.

San Pietroburgo: Reynolds 0, Karasev 17, Barinov 2, Vikhrov 2, Voronov 12, Simonovic 14, Whittington 6, Harper 5, Griffin 4, Kuric 13, Valiev 6, Gordon 6.

 

Ha chiuso con una sconfitta la sua avventura in Eurocup la Dolomiti Energia Trentino, che aveva detto addio alle sue chance di qualificazione già due settimane fa. La squadra di Maurizio Buscaglia riceveva la visita del Lokomotiv Kuban, ancora imbattuto in questa competizione. I russi hanno proseguito la propria striscia, espugnando il PalaTrento per 74-71. Un successo che sembrava agevole per gli ospiti, che hanno comandato sin dall’avvio mostrando tutta la loro potenza offensiva, con i vari Collins e Broerhoff. Trento ha provato a resistere ma il vantaggio del Lokomotiv è arrivato in doppia cifra ad inizio secondo quarto, fino al +13 del terzo (37-50). Proprio quando sembrava finita, però, è arrivata la reazione d’orgoglio della Dolomiti. Franke, Shields e Sutton hanno suonato la carica, trovando terreno fertile in Gutierrez, che nell’ultimo minuto ha siglato il pari a quota 69. Ci ha pensato però Ragland a chiudere definitivamente l’incontro, con una tripla che ha sancito la vittoria di Kuban, poi confermata dalla schiacciata di Elegar.

Il tabellino

Dolomiti Energia Trentino – Lokomotiv Kuban 71-74 (14-19, 13-17, 18-21, 26-17)

Trento: Franke 11, Sutton 8, Forray 3, Conti, Flaccadori 2, Gutierrez 17, Gomes 2, Silins 2, Hogue 13, Lechtaler n.e., Shields 13

Krasnodar: Ragland 7, Baburin 3, Khvostov 7, Lacey 1, Collins 10, Ivlev 3, Qvale 8, Ilnitskiy ne, Elegar 10, Babb 9, Kulagin 3, Broekhoff 13

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top