Ginnastica, le nuove seniores dell’Italia per il 2018: la classe 2002 diventa grande. Martina Basile guida il quartetto

Buon Anno, ginnastica artisticaBuon Anno a tutte le nate nel 2002 che, da qualche ora, sono ufficialmente entrate nella categoria seniores. 

Come ogni 1° gennaio tutte le ragazze che compiranno 16 anni nella stagione appena incominciata diventano ufficialmente delle “grandi” e potranno partecipare a tutte le gare che contano a partire da Mondiali, Europei, tappe di Coppa del Mondo e ovviamente Olimpiadi (non è questo l’anno giusto).

L’Italia potrà contare su quattro rinforzi in attesa che tra 12 mesi si faccia il pieno con la micidiale classe 2003. Queste sono le quattro azzurre che sono appena diventate seniores:

 

Sofia Arosio

Martina Basile

Maria Vittoria Cocciolo

Sydney Saturnino

 

Martina Basile aveva conquistato il bronzo all-around agli Europei di categoria due anni fa, ha superato bene delle difficoltà ed è pronta per dire la sua. Sydney Saturnino e Sofia Arosio sono due ginnaste della Gal Lissone, date in grande crescita e che hanno già avuto modo di fare esperienza internazionale. Maria Vittoria Cocciolo è tornata in gara nel weekend a Combs La Ville dopo un infortunio al gomito e potrebbe regalarci delle soddisfazioni.

 





Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

NBA 2018: stiramento alla coscia per James Harden. Houston perde la sua stella per due settimane

Sci Alpino, Giuliano Razzoli rischia le Olimpiadi. Parte da Zagabria la rincorsa disperata a PyeongChang 2018