Volley, SuperLega 2018 – 14^ giornata: Perugia resta in testa, riscatto Modena e Civitanova, Trento sbanca Milano

Volley-maschile-Modena-Milano-01-Muliere-R.jpg


Non cambia niente nelle posizioni di vertice della SuperLega al termine della quattordicesima giornata, l’ultima dell’anno solare nonché la prima del girone di ritorno. In testa c’è sempre Perugia inseguita da Civitanova e Modena: tutto è andato secondo pronostico dopo i grandi botti di Santo Stefano.

I Block Devils hanno espugnato il caldissimo campo di Padova che era reduce dal bel successo su Modena. I Campioni d’Inverno hanno dovuto sudare per avere la meglio sui veneti, la svolta è arrivata nella parte centrale del terzo set: 1-1 nel conto dei parziali, i ragazzi di Bernardi pigiano sull’acceleratore e con un paio di muri e un primo tempo mettono in ginocchio gli avversari poi letteralmente crollati nella quarta frazione (parziale iniziale di 10-1). Grandissima prestazione di Aleksandar Atanasijevic (14, 3 muri) e Ivan Zaytsev (14, 3 aces) supportati dalla regia di De Cecco e dal solito Marko Podrascanin al centro (9, 4 muri e 3 aces). A Padova, che scivola in sesta posizione, non sono bastati Luigi Randazzo (16) e Gabriele Nelli (12), inciampati proprio nel momento più importante.

Civitanova si risolleva immediatamente dallo scivolone con Castellana Grotte e infligge a Vibo Valentia l’ottava sconfitta consecutiva (c’è aria di esonero per coach Tubertini). I Campioni d’Italia, sempre a un punto da Perugia, si sono fatti sorprendere soltanto nel secondo set, per il resto hanno dominato la partita con parziali nettissimi. Si è rivisto in campo l’opposto Tsvetan Sokolov (11) ma a fare la differenza è stato come sempre un incontenibile Osmany Juantorena, autore di 21 punti con addirittura 7 aces. Benissimo anche il centrale Davide Candellaro (13) che ha fatto coppia con Enrico Cester, titolare dopo lo shock per l’annuncio del suo passaggio al beach volley. Ai calabresi, sempre nei bassifondi della classifica, non bastano i soliti Oleg Antonov (15) e Benjamin Patch (13).

Modena guarisce prontamente dalla sconfitta contro Padova, rifila un sonoro 3-0 a Castellana Grotte e rimane a tre punti di distacco dalla capolista. Protagonisti assoluti l’ottimo Giulio Sabbi (15) e il redivivo Earvin Ngapeth (14), reintegrato in squadra dopo il caos di Natale, grande regia di Bruninho e prova di sostanza da parte di Max Holt in coppia con Daniele Mazzone per frenare gli avversari (spiccano le 23 marcature di Georgios Tzioumakas, i pugliesi restano al penultimo posto).

Vittoria pesantissima di Trento sul campo di Milano, arrivata in maniera davvero rocambolesca. I dolomitici erano sotto 2-0 e hanno seriamente rischiato di capitolare contro la formazione di Giani, sono riusciti a spuntarla nel concitato punto-punto del terzo set e poi hanno rimontato dal 10-12 nel tie-break per portare a casa la settima vittoria consecutiva in campionato che vale il quinto posto in classifica. Perfettamente neutralizzati i 25 punti dell’oppostone Nimir Abdel-Aziz e vendetta confezionata dopo la sconfitta dell’andata grazie all’ottima prestazione del mancino Uros Kovacevic (22 punti), alla grinta di capitan Filippo Lanza (12 punti) e ai 13 muri di squadra. Da annotare anche che Renee Teppan (12) è stato ancora preferito a Luca Vettori.

Ravenna espugna il PalaBianca di Piacenza nel sentitissimo derby emiliano: un importante 3-1 in favore dei giallorossi che operano il sorpasso in classifica sui Lupi e rimangono in piena lotta per accedere ai playoff. I ragazzi di Soli sono riusciti a fare la differenza in un momento critico, trascinati dalla grande regia di Santi Orduna e dalla solita verve degli attaccanti (23 punti per l’opposto Paul Buchegger, 16 e 14 per i martelli Poglajen e Marechal). Piacenza ha faticato a ingranare, ha cercato la reazione vincendo in rimonta il terzo set dopo un’infinita serie ai vantaggi ma non è bastato: da annotare le 21 marcature dell’eterno Alessandro Fei.

Monza torna al successo imponendosi agevolmente sul campo di Sora: 3-0 per i brianzoli che cercano di rimanere in corsa per i playoff, decisivo Simon Hirsch (16), sottotono Dusan Petkovic (14) tra le fila dei laziali, sempre all’ultimo posto in classifica. Il match tra Verona e Latina si giocherà il 25 gennaio.

 

Di seguito tutti i risultati dettagliati della quattordicesima giornata di SuperLega e la classifica generale del massimo campionato italiano di volley maschile:

Revivre Milano vs Diatec Trentino          2-3 (25-22; 25-22; 22-25; 14-25; 13-15)

Kioene Padova vs Sir Safety Conad Perugia           0-3 (25-20; 22-25; 15-25; 14-25)

BCC Castellana Grotte vs Azimut Modena          0-3 (21-25; 18-25; 28-30)

Biosì Indexa Sora vs Gi Group Monza             0-3 (25-27; 17-25; 20-25)

Cucine Lube Civitanova vs Tonno Callipo Vibo Valentia            3-1 (25-18; 20-25; 25-10; 25-12)

Wixo LPR Piacenza vs Bunge Ravenna                 1-3 (21-25; 18-25; 35-33; 24-26)

Calzedonia Verona vs Taiwan Excellence Latina               giovedì 25 gennaio, ore 20.00

 

# SQUADRA  PUNTI PARTITE GIOCATE VITTORIE
1. Perugia 36 14 12
2. Civitanova 35 14 12
3. Modena 33 14 11
4. Verona 26 13 10
5. Trento 24 14 9
6. Padova 23 14 7
7. Ravenna 23 14 7
8. Milano 22 14 7
9. Piacenza 20 14 7
10. Monza 15 14 5
11. Latina 12 13 3
12. Vibo Valentia 9 14 3
13. Castellana Grotte 7 14 2
14. Sora 6 14 2

 





(foto Roberto Muliere)

Lascia un commento

scroll to top