Skeleton, Coppa del Mondo 2017-2018: il duello tra Dukurs e Yun si sposta a Whistler, tra le donne Nikitina vuole confermarsi

du-r950-st.ir3-_t6001.jpeg

Procede imperterrita la trasferta nord-americana della Coppa del Mondo di Skeleton 2017/18. Dopo le prime due tappe statunitensi tra Lake Placid e Park City, gli atleti si spostano in Canada, nella British Columbia, per l’appuntamento di Whistler, terzo appuntamento sugli otto previsti dal calendario. La cittadina canadese (poco meno di diecimila abitanti) è decisamente particolare, trovandosi ad appena 670 metri di altitudine, ma affacciandosi allo stesso tempo sull’Oceano Pacifico.

Donne e uomini si sfideranno sul Whistler Sliding Centre che ha ospitato le gare dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2002. Il tracciato misura 1700 metri totali, ma solo 1450.4 sono impiegati per le competizioni. Si parte dai 935 metri per arrivare agli 802 del traguardo, con una pendenza media del 9% ed una punta massima del 20%. Le curve sono 16, con diverse particolarmente complicate ed a stretto raggio.

Per quanto riguarda gli uomini, come facilmente preventivabile, l’attenzione sarà concentrata sulla sfida tra i due grandi favoriti, e leader della classifica con 435 punti, Yun Sungbin e Martins Dukurs. Il sud-coreano ha appena vinto la tappa di Park City, mentre il lettone si era aggiudicato il primo impegno di Lake Placid. Al loro inseguimento con 392 punti, il tedesco Axel Jungk, mentre al quarto posto troviamo il russo Alexander Tretiakov con 376. Quinta posizione per il secondo lettone, Tomass Dukurs, con 368 punti, davanti al junior russo Nikita Tregubov a 344. Sarà al via della gara canadese anche il nostro Joseph Luke Cecchini che si trova in ventiseiesima posizione con 77 punti globali (45 a Lake Placid, 32 a Park City). L’italiano ha assolutamente bisogno di riscattarsi, dunque, dopo un avvio di stagione non propriamente scintillante.

Nella passata stagione Whistler fu sede dell’esordio stagionale e registrò la vittoria di Yun Sungbin davanti a Tretiakov ed all’americano Matthew Antoine. Due anni fa, invece, fu dominio lettone con Martins Dukurs davanti a Tomass Dukurs e solo terzo Yun Sungbin.

Tra le donne, invece, la Coppa del Mondo 2017/18 si è aperta con maggiori sorprese ed equilibrio. Al comando della classifica generale, infatti, troviamo la russa Elena Nikitina, fresca vincitrice a Park City, con 417 punti. Al secondo posto la ventitreenne padrona di casa Elisabeth Vathje che, dopo il secondo posto di Lake Placid, è giunta sesta a Park City per un totale di 386 punti. Terza posizione per la britannica Laura Deas che, grazie a due quinti posti, si trova a 368 punti, davanti alla junior tedesca Jacqueline Loelling che dopo un esordio non perfetto è risalita con il gradino più basso del podio della gara dello Utah. Quinta posizione per l’inglese Lizzy Yarnold (360 punti) a pari punti con la canadese Mirela Rahneva, mentre la teutonica Tina Hermann che, grazie al secondo posto di Park City ha 354 punti. Passo indietro notevole, invece, per l’austriaca Janine Flock che, dopo aver vinto l’esordio a Lake Placid non si è classificata per la seconda manche lo scorso weekend, concludendo al ventiduesimo posto.

Dodici mesi fa la vittoria sulla pista di Whistler andò proprio alla padrona di casa Elisabeth Vathje, davanti alle due tedesche Loelling e Hermann, mentre due anni fa fu proprio quest’ultima ad aggiudicarsi la tappa nord-americana, davanti a Annie O’Shea ed alla stessa Lolling.

PROGRAMMA COMPLETO DEL WEEKEND E COME SEGUIRLO IN TV

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SULLO SKELETON

 

 





 

 

alessandro.passanti@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Martins Dukurs

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top