Tuffi, Mondiali Budapest 2017: triplo e mezzo rovesciato fatale per Tocci e Cristofori da 3 metri

Il rammarico del nullo e l’emozione del debuttante. Giovanni Tocci, bronzo da 1 metro, apre alla grande la sua eliminatoria da 3 metri al Mondiale di Budapest: terzo dopo due tuffi. Alla quarta serie, però, sbaglia il presalto del triplo e mezzo rovesciato raggruppato (coefficiente 3.5, spesso l’ago della bilancia delle sue prestazioni) ed entra di piedi: nullo. Per chiudere nei 18 qualificati in semifinale (ore 15.30) non basta neanche un quadruplo e mezzo avanti da 95 punti: 24°, è eliminato con 388.05 punti come l’esordiente Adriano Ruslan Cristofori, tanti errori compresi i 21 punti del rovesciato, 50° a quota 284.85. Italia subito out.

La gara più lunga del Mondiale ungherese – quattro ore di preliminari, con l’uzbeko Doston Botirov che si ritira dopo due serie e il cileno Donato Neglia autore di due nulli – miete altre vittime. Quella più illustre è lo statunitense Mike Hixon, quinto da 1 metro, 20° con 397.45 punti. Fuori anche altri validi atleti come il canadese François Imbeau-Dulac, l’australiano nato in Messico Kevin Chavez, il tedesco Stephan Feck e l’irlandese Oliver Dingley. I favoriti per il podio, però, ci sono tutti nonostante varie imprecisioni: il cinese Xie Siyi primo (512.90), il russo Ilya Zakharov secondo (502.30), il britannico Jack Laugher terzo (477.85), l’altro cinese Cao Yuan quarto (452.65), il tedesco Patrick Hausding quinto (447.40), i messicani Jahir Ocampo settimo (444.95) e Rommel Pacheco decimo (431.75), l’altro russo Evgenii Kuznetsov 12° (423.85) e l’ucraino Illya Kvasha 15° (416.30).

Tra pochissimo la semifinale: in palio 12 posti per la finale di domani – giovedì 20 luglio – alle 18.30. Un pranzo veloce e poi di nuovo tutti in piscina. Senza azzurri, purtroppo.

 

I RISULTATI COMPLETI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: DeepBlueMedia/comunicato Len

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, Christian Panucci nuovo CT dell’Albania! Succede a De Biasi, ancora un italiano in panchina

F1, Mondiale 2017: Ferrari, i motivi per cui continuare a credere nel titolo iridato