Nuoto pinnato, World Games 2017: le speranze di medaglia dell’Italia

World-Games-Nuoto-pinnato-Twitter.jpg

I World Games 2017 sono sempre più vicini. Dal 20 al 30 luglio si terranno infatti a Wroclaw, in Polonia, i Giochi riservati alle discipline non olimpiche. Tra questi, anche il nuoto pinnato, la cosiddetta ‘Formula 1’ del nuoto. Rispetto all’edizione passata dei Giochi Mondiali verranno assegnati quattro titoli in più, per un totale di 14: due nella specialità apnea, quattro per la bi-pinna ed otto per il nuoto in superficie. Uno sport in cui l’Italia potrà certamente dire la sua. Vediamo con chi.

Saranno Davide De Ceglie ed Erica Barbon le punte della spedizione italiana. Il primo è uno specialista delle acque libere, ma a Wroclaw gareggerà nei 400m in superficie dove, da gran fuoriclasse qual è, potrà sicuramente dire la sua. La Barbon invece, è reduce dal bronzo ottenuto ai recenti Europei nella specialità dei 100m in superficie e vorrà certamente ripetersi a livello mondiale. La giovanissima azzurra (22 anni), ci proverà anche nella distanza breve (50m) dove lo scorso anno ottenne un bronzo ai Mondiali, così come sulla distanza dei 200m.

Il fiore all’occhiello dell’Italia però, sono le staffette. A Wroclaw ci saranno le due 4×100, maschile e femminile. Il quartetto degli uomini sarà composto da De Ceglie, Kevin Zanardi, Cesare Fumarola e Stefano Figini, reduci da due argenti, anche se sulla doppia distanza, sia ai Mondiali che agli Europei. Per le donne invece, si punterà su Barbon, Isabella Brambilla, Silvia Baroncini e Giorgia Viero, piazzatesi quinte sia nella rassegna iridata dello scorso anno che in quella continentale di due settimane fa.

Ed ancora Kevin Zanardi ed Andrea Pegoraro nei 200m o la Brambilla sempre su questa distanza. Insomma, l’Italia ci proverà in tutte le discipline per migliorare il bottino di quattro anni fa, quando gli azzurri raccolsero tre medaglie (un oro, un argento ed un bronzo).

 

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter

Lascia un commento

Top