Golf, European Tour 2017: Alvaro Quiros fa il vuoto al Rocco Forte Open. Un grande Renato Paratore sale al terzo posto

Alvaro-Quiros-Golf-Twitter-European-Tour.jpg

Alvaro Quiros prosegue saldamente in testa al Rocco Forte Open (montepremi 1 milione di euro). Lo spagnolo ha mantenuto la vetta del leaderboard nonostante un giro in 70 colpi, uno sotto al par. La giornata è stata molto complicata per via del forte vento che ha messo in difficoltà i 72 giocatori rimasti in gara dopo il taglio: solo in sette sono stati infatti in grado di portare a casa uno score negativo. Quiros è partito con tre bogey nelle prime sei buche ma è riuscito a raddrizzare la propria giornata nella seconda parte di giro, chiudendo con un salvataggio miracoloso alla buca 18 che gli è valso il par ed il -16 totale. Il sei volte vincitore sullo European Tour partirà domani con ben cinque colpi di vantaggio sul secondo della classifica, Zander Lombard. Il sudafricano si era ben destreggiato nelle prime nove, ma ha rovinato tutto con i tre bogey consecutivi tra la 10 e la 12 ed il doppio bogey della 18. Il 72 odierno lo allontana dalla vetta.

Prosegue lo splendido torneo di Renato Paratore, che ha scalato altre quattordici posizioni stabilendosi al terzo posto con un -10 totale. Dopo un avvio complicato il romano è riuscito a trovare il giusto ritmo nelle seconde nove, ma il colpo perso alla 17 gli ha fatto perdere una posizione relegandolo momentaneamente sul gradino più basso del podio. Il suo giro è comunque ottimo, in 70 colpi, uno dei pochi sotto il par. Il miglior score di giornata lo ha piazzato Pep Angles, che affianca Paratore al terzo posto. Lo spagnolo ha realizzato sette birdie e la sua posizione poteva essere di gran lunga migliore se non fosse incappato in un doppio bogey alla 10 e in due bogey alla 15 e alla 18. Alle spalle del leader la classifica è molto corta perché al quinto posto, ad un colpo da Paratore ed Angles, ci sono sei giocatori: gli inglesi Lee Slattery e David Horsey, lo svedese Johan Carlsson, il portoghese José-Filipe Lima, il francese Raphael Jacquelin ed il nordirlandese Michael Hoey, che era in testa dopo la prima giornata e che ha perso terreno con un giro in 75. Disastroso è stato invece il round dello svedese Sebastian Soderberg che con il +6 di oggi è sceso dalla seconda alla diciottesima piazza.

Il secondo italiano che troviamo scorrendo la classifica è Matteo Manassero. Il giro in 73 colpi può essere considerato un ottimo score, visto che il veneto ha avuto notevoli difficoltà realizzando quattro bogey tra la 10 e la 14. I tre birdie consecutivi inanellati a partire dalla buca 15 però, gli hanno permesso di salvare la sua giornata e di non perdere troppo terreno. Domani infatti, Manassero proverà a migliorare la 24esima posizione in cui si trova al momento con lo score di -6. Hanno invece vissuto una brutta giornata Lorenzo Gagli e Francesco Laporta, crollati in 61esima posizione in pari col par, a causa del 78 odierno. È andata peggio infine all’amateur Luca Cianchetti, che chiude la classifica con il suo +4, frutto del +9 di oggi, peggior giro di giornata.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Twitter European Tour

Lascia un commento

Top