Tennis, WTA Miami 2017: i risultati di lunedì 27 marzo. Wozniacki approfitta del ritiro di Muguruza, fuori Cibulkova. Passeggiano Kerber e Venus Williams

Si sono disputati gli incontri valevoli per gli ottavi di finale del WTA Premier Mandatory di Miami, prestigioso appuntamento del circuito femminile in corso di svolgimento sui campi in cemento della Florida. Ad aprire il programma sul Campo Centrale di Crandon Park ci ha pensato il derby ceco tra Karolina Pliskova, accreditata della terza testa di serie, e la sorpresa Barbora Strycova, arresasi tuttavia alla connazionale al termine di una sfida dominata in lungo e in largo dalla maggiore esperienza della giocatrice originaria di Louny. Un 6-1 6-4 senza appello maturato in appena un’ora e dodici minuti di assolo, con un pochino di equilibrio manifestatosi soltanto nei primi quattro giochi della seconda frazione, preludio ad un perentorio cambio di marcia della numero tre del mondo che attende ai quarti la vincente del match tra Lucic-Baroni e Mattek-Sands.

A seguire è stata la volta di Caroline Wozniacki e Garbine Muguruza, un confronto molto atteso dal quale ci si aspettava spettacolo viste le caratteristiche delle due contendenti. Il parziale di apertura è regnato sul filo dei nervi senza che nessuna delle protagoniste fosse in grado di piazzare l’allungo decisivo, nonostante la campionessa danese fosse risultata in grado di sprintare meglio dai blocchi involandosi sul 4-1. La trionfatrice del Roland Garros 2016 si è resa protagonista di una reazione implacabile e ha infilato la bellezza di cinque game consecutivi, mancando però l’opportunità di archiviare la contesa sul 5-4 ed essendo costretta a ripiegare al tiebreak. L’andamento del jeu decisif si è rivelato a dir poco a senso unico, tanto che la Wozniacki ha chiuso il set con lo score perentorio di 7-1 in un’ora e dieci minuti di battaglia. In avvio di seconda partita è giunto il colpo di scena inatteso: un malessere ha infatti obbligato la fuoriclasse iberica al ritiro dopo essersi fatta misurare la pressione.

Avanza senza particolari patemi la numero uno del mondo Angelique Kerber, giustiziera della qualificata giapponese Risa Ozaki, arresasi con un periodico 6-2 senza mai riuscire ad impensierire la rivale durante l’ora scarsa di match. Ai quarti di finale sfida da non perdere al cospetto di una rigenerata Venus Williams, capace di sconfiggere una delle tenniste più in forma del momento nonché reduce dalla finale raggiunta a Indian Wells, la russa Svetlana Kuznetsova, grazie ad un 6-3 7-6(4) che la dice lunga sulle ambizioni della veterana statunitense.

Fuori a sorpresa invece Dominika Cibulkova, la cui cavalcata si è arrestata dinnanzi alla ceca Lucie Safarova, abile nel portare a casa un primo set decisosi su pochissimi punti per poi dilagare nel secondo parziale incamerato addirittura con il punteggio di 6-1. Rimonta prodigiosa quella compiuta da Simona Halep, se si considera che la rumena si trovava in svantaggio per 6-4 5-2 prima di innestare una reazione incredibile contro l’australiana Samantha Stosur, costretta a vedersi annullare un match point e a subire un filotto pazzesco di undici games a due. Il prossimo ostacolo risponde al nome della britannica Johanna Konta, che si è sbarazzata abbastanza agevolmente della spagnola Arruabarrena per 7-5 6-1.

WTA Miami, ottavi di finale

[1] A.Kerber b. [Q] R.Ozaki 6-2 6-2
[2] K.Pliskova b. [15] B.Strycova 6-1 6-4
[3] S.Halep b. [14] S.Stosur 4-6 7-5 6-2
[10] J.Konta b. L.Arruabarrena 7-5 6-1
[12] C.Wozniacki b. [6] G.Muguruza 7-6(1) rit.
L.Safarova b. [4] D.Cibulkova 7-6(5) 6-1
[26] L.Baroni b. [W] B.Mattek-Sands 7-5 6-4
[11] V Williams  B. [7] S Kuznetsova  6-3 7-6(4)

 

simone.brugnoli@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter Miami Open

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, primo tempo da incubo per l’under21 contro la Spagna. Pellegrini e Benassi le note liete, difesa in affanno

F1, Mondiale 2017 – L’avvio di stagione difficile della Red Bull. Ma occhio al loro sviluppo…