Motocross, GP di Argentina 2017: Tim Gajser vince e sale in vetta al Mondiale, Tony Cairoli cade in avvio e rimonta fino al nono posto

GAJSER-Foto-Cattagni.jpg

Vittoria importantissima di Tim Gajser in Gara-1 del GP di Argentina. Lo sloveno approfitta della caduta nelle fasi iniziali del grande rivale Tony Cairoli e si porta a casa i 25 punti (e la vetta della graduatoria generale), precedendo Jeremy van Horebeek e Clement Desalle. Tony Cairoli, dopo essersi ritrovato nelle ultime posizioni, ha messo in mostra una straordinaria rimonta che l’ha portato fino al nono posto a breve distanza dall’ottavo in classifica, Max Nagl su Husqvarna).

Pronti via e Tim Gajser (Honda) prende il comando davanti al belga Van Horebeek (Yamaha) e al russo Evegeny Bobryshev (Honda). Alle loro spalle l’altro belga Desalle (Kawasaki), lo svizzero Arnaud Tonus (Yamaha) che si ritroverà da lì a poco addirittura in ventinovesima piazza e l’olandese Glenn Coldenhoff (KTM). Il nostro Alessandro Lupino (Honda) viaggia in diciassettesima, mentre Tony Cairoli (KTM) precipita addirittura in ventiduesima per colpa di una caduta nelle fasi di partenza. Lo sloveno inizia a spingere ed a fare subito il vuoto, portandosi avanti di due secondi su Van Horebeek e di quattro su Bobryshev. Nelle retrovie Cairoli prova la rimonta a già oltre venti secondi di distacco. La risalita dell’italiano è inesorabile e al quarto giro è già sedicesimo, mentre Gajser davanti fa segnare tempi impossibili per tutti (l’unico sull’1:44) e gestisce il vantaggio sugli inseguitori mentre il francese Romain Febvre (Yamaha) precede il britannico Max Anstie (Husqvarna) di pochi decimi. Mentre davanti tutto rimane immutato, le emozioni portano tutte la firma di Cairoli che rapidamente si porta in dodicesima posizione soprassando Jeffrey Herlings (KTM) e Glenn Coldenhoff (KTM) e, nonostante il traffico, perde appena sei secondi da Gajser in otto giri. Gajser con il passare delle tornate si accorge che Van Horebeek non perde distanza e rimane ad un distacco di appena tre secondi, mentre tutti gli altri sono oltre i dieci, con Desalle che allunga su Bobryshev e Fabvre in lotta per il quarto posto. Il ritmo di Gajser prosegue nella selezione e stacca Van Horebeek di cinque secondi. Per tutti gli altri distacchi abissali, con Desalle a quasi tredici secondi, mentre Cairoli si issa in decima piazza con un ritmo molto simile al leader e che aumenta il dispiacere per la caduta iniziale. Negli ultimi giri cambia poco nelle prime posizioni, Gajser chiude con circa sette secondi di vantaggio su Van Horebeek e undici su Desalle. Per Cairoli disperato forcing finale che lo fa chiudere in nona piazza, ma Nagl era davvero a un soffio.

A questo punto c’è grande attesa per Gara-2 per vedere se Cairoli saprà tornare alla vittoria o, quantomeno, riprendersi il comando della Classifica Generale.

ORDINE DI ARRIVO GARA-1:

1 TIM GAJSER HONDA
2 JEREMY van HOREBEEK YAMAHA
3 CLEMENT DESALLE KAWASAKI
4 ROMAIN FEBVRE YAMAHA
5 EVGENY BOBRYSHEV HONDA
6 GAUTIER PAULIN HUSQVARNA
7 MAX ANSTIE HUSQVARNA
8 MAX NAGL HUSQVARNA
9 ANTONIO CAIROLI KTM
10 SHAUN SIMPSON YAMAHA
..
19 ALESSANDRO LUPINO KTM

CLASSIFICA GENERALE:

1 TIM GAJSER 81 PUNTI
2 CAIROLI 80 PUNTI
3 DESALLE 80 PUNTI
4 van HOREBEEK 64 PUNTI
5 BOBRYSHEV 60 PUNTI
6 PAULIN 54 PUNTI
7 FEBVRE 52 PUNTI
8 COLDENHOFF 48 PUNTI
9 SIMPSON 47 PUNTI
10 STRIJBOS 44 PUNTI
..
21 LUPINO 12 PUNTI

FOTOCATTAGNI

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top