Motocross, GP Argentina 2017 – Gara2: Gajser realizza l’en plein in Patagonia. Brutta partenza e nuova caduta per uno spettacolare Tony Cairoli (5°)

Gajser-Motocross-Valerio-Origo.jpg

Apoteosi Honda, dominio Tim Gajser. Il fenomenale ventenne sloveno fa sua anche la seconda manche del GP d’Argentina, terzo appuntamento del Mondiale Motocross 2017, realizzando il fantastico en plein Qualifying RaceGara1-Gara2. Completano il podio argentino, il team mate di Gajser, il russo Evgeny Bobryshev ed il redivivo belga della Yamaha, Jeremy Van Horebeek. Corsa di nuovo disgraziata per il nostro Tony Cairoli (ex Tabella Rossa del Campionato MXGP), partito malissimo e caduto nelle fasi iniziali della contesa, proprio come successo nel corso di gara-1.

La cronaca di gara-2 del GP d’Argentina. Holeshot di Clement Desalle (Kawasaki). Cairoli (KTM) parte male e rimane un invischiato nella pancia del gruppo (ben 32 i riders in gara). Al giro numero 1, le prime posizioni della classifica recitano: Desalle, Gajser, Bobryshev, Van Horebeek, Paulin, Coldenhoff; solo 20° Tony Cairoli. Un’altra tornata e il siciliano è già 11°, ma poco dopo cade e scivola in 16^ piazza.

Allo scoccare del nono minuto di gara, il sorpasso che decide la manche, l’intero GP d’Argentina e la nuova leadership iridata: la Honda di Gajser infila a velocità doppia, su una delle tante collinette del bellissimo tracciato di Villa La Angostura, il belga Desalle che deve rintuzzare anche gli attacchi del connazionale Van Horebeek. Al sesto giro, l’annunciato sorpasso si concretizza, mentre Gajser vola in solitaria e Cairoli bazzica l’undicesima piazza. Sesto l’altro “osservato speciale” Romain Febvre (Yamaha).

La classifica a metà gara: Gajser, Van Horebeek, Bobryshev, Paulin, Desalle (in pesante parabola discendente). 10° Cairoli, mai domo. Nel corso del secondo segmento di manche, lo sloveno iridato in carica prende il largo, chiudendo la sua trionfale cavalcata con oltre 5 secondi di vantaggio sul compagno di squadra. Cambiano gli altri due gradini del podio (Bobryshev beffa Van Horebeek), così come le posizioni di immediato rincalzo che vivono negli ultimi 15 minuti di gara, più i due giri finali prima della bandiera a scacchi, momenti molto emozionanti: il francese Gautier Paulin (Husqvarna) chiude 4°, Cairoli 5°, Febvre 6° dopo un errore commesso sotto la pressione dello scatenato campione italiano.

Sotto la bandiera a scacchi, il transalpino Campione del Mondo 2015 sarà preceduto anche dall’olandese Jeffrey Herlings e dal tedesco Max Nagl. Da evidenziare assolutamente la rimonta strepitosa del crosser di Patti che, a suon di giri veloci e sorpassi strappa-applausi, ottiene un 5° posto miracoloso e preziosissimo in ottica iridata. 30° l’altro azzurro Alessandro Lupino (Honda).

LA TOP TEN DI GARA-2

Pos Nr Rider Nation Bike Time laps Diff. First
1 243 Gajser, Tim SLO HON 34:07.642 18
2 777 Bobryshev, Evgeny RUS HON 34:12.957 18 0:05.315
3 89 Van Horebeek, Jeremy BEL YAM 34:14.365 18 0:06.723
4 21 Paulin, Gautier FRA HUS 34:16.520 18 0:08.878
5 222 Cairoli, Antonio ITA KTM 34:25.601 18 0:17.959
6 12 Nagl, Maximilian GER HUS 34:30.119 18 0:22.477
7 84 Herlings, Jeffrey NED KTM 34:31.148 18 0:23.506
8 461 Febvre, Romain FRA YAM 34:33.713 18 0:26.071
9 22 Strijbos, Kevin BEL SUZ 34:37.042 18 0:29.400
10 25 Desalle, Clement BEL KAW 34:43.155 18 0:35.513

giuseppe.urbano@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top