Karate, Premier League 2017. Parata di stelle a Rotterdam. L’Italia punta su Luigi Busà, Sara Cardin e le squadre del kata

Mattia-Busato-Karate-Twitter-Busato.jpg

Dopo il preludio parigino, la Premier League 2017 torna in scena tra venerdì 17 e domenica 19 marzo a Rotterdam, dove i migliori interpreti dela disciplina si sfideranno al Topsportcentre per valutare il tasso di competitività delle varie categorie in seguito all’inclusione del karate tra gli sport olimpici a partire da Tokyo 2020. Come da prassi, le prime due giornate saranno dedicate esclusivamente alle eliminatorie e ai ripescaggi, un autentico tour de force che precederà le finali in programma domenica per l’assegnazione delle medaglie.

I progressi effettuati dagli atleti mediorientali e sovietici hanno ampliato il lotto dei possibili protagonisti di un evento che l’Italia si appresta ad affrontare al gran completo per testarsi sul palcoscenico internazionale dopo gli ottimi riscontri dei Mondiali di Linz e della tappa di Parigi della Premier League, pur senza acuti nelle categorie olimpiche. Le punte azzurre saranno Luigi Busà (-75 kg) e Sara Cardin (-55 kg), al primo vero banco di prova del nuovo anno dopo un 2016 da protagonisti sulla scena mondiale. Entrambi ambiscono senza mezzi termini alla medaglia d’oro, ma dovranno vedersela con un parterre de rois che renderà loro la vita difficile sul tatami.

Partiranno con i favori del pronostico anche le due squadre del kata, entrambe d’oro a Parigi, ma anche nelle prove individuali l’Italia può contare su Mattia Busato e Viviana Bottaro, due carte importanti per puntare con decisione al podio. Il plotone azzurro possiede tuttavia anche un nutrito gruppo di giovani leve che partono con l’intento di ben figurare in Olanda: Viola Lallo (-61 kg), Silvia Semeraro (-68 kg) e Gianluca De Vivo (-67 kg) cercheranno di agguantare la medaglia che è mancata nelle ultime uscite, mentre Clio Ferracuti (+68 kg) proverà a confermarsi anche tra i senior dopo l’oro conquistato nelle scorse settimane agli Europei giovanili di Sofia.

Nutrono speranze da podio anche il giovane Simone Marino, già terzo a Parigi nella categoria +84 kg, e Nello Maestri, che proverà a far valere la sua esperienza nei -84 kg. La pattuglia italiana punta pertanto a confermare almeno il risultato di Parigi con sei medaglie all’attivo (due ori, due argenti e due bronzi), un bottino di tutto rispetto che sta diventando una piacevole abitudine per i colori azzurri.

Ecco l’elenco completo dei convocati del team Italia:

KUMITE

Uomini

-60 kg: Angelo Crescenzo
-67 kg: Gianluca De Vivo
-75 kg: Luigi Busà, Michele Martina
-84 kg: Nello Maestri, Giuseppe Tesoro
+84 kg: Nico Armanelli, Simone Marino

Donne

-55 kg: Sara Cardin
-61 kg: Viola Lallo, Laura Pasqua
-68 kg: Silvia Semeraro
+68 kg: Clio Ferracuti, Greta Vitelli

KATA

Uomini

Mattia Busato
Gianluca Gallo
Alessandro Iodice
Alfredo Tocco
Team kata M (Busato, Iodice, Tocco)

Donne

Sara Battaglia
Viviana Bottaro
Terryana D’Onofrio
Michela Pezzetti
Team kata F (Battaglia, Bottaro, Pezzetti)

mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Mattia Busato

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top