Seguici su

Senza categoria

Tennis, Australian Open 2017: Venus Williams ritrova la finale di uno Slam dopo 8 anni. Coco Vandeweghe sconfitta in tre set

Pubblicato

il

Continua ad essere un sorta di ritorna al passato quest’edizione degli Australian Open 2017. Dopo quanto avvenuto nel tabellone maschile ed i successi di Rafa Nadal e Roger Federer, nel draw femminile, continua la cavalcata di Venus Williams che, dopo 8 anni, ritrova la finale di uno Slam (Wimbledon 2009) avendo sconfitto in semifinale l’altra statunitense, n.35 WTA, Coco Vandeweghe con il punteggio di 6-7 6-2 6-3 in 2 ore e 29 minuti di gioco. Venus si qualifica per l’ultimo atto in attesa di sapere se vi sarà il remake della sfida fratricida con Serena del 2003 oppure se dovrà affrontare la grande sorpresa di quest’anno, la croata Mirjana Lucic-Baroni.

Nel primo set entrambe le giocatrici partono molto forte, imprimendo alle loro risposte grande profondità ed aggressività. Non è un caso che nei primi due game arrivino due break (uno per parte). Dopo i fuochi d’artificio iniziali, entrambe le contendenti gestiscono meglio i turni in battuta con buone percentuali di prime palle (oltre il 70%) ed un buon numero di ace notevole da parte della Vandeweghe (5). Si decide tutto al tie-break ed il tennis rischioso della n.35 del mondo, condito da 17 vincenti nel corso della prima frazione, le vale la conquista del parziale (7-3).

Nel secondo set Venus reagisce da campionessa, alzando decisamente il livello del suo gioco e collezionando tantissimi punti con la prima in battuta (ben 8 ace). Un cambiamento di ritmo che mette in difficoltà Coco, non in grado di far fronte alle accelerazioni della sua avversaria, dominatrice incontrastata della seconda frazione grazie a due break nel terzo e quinto game. con 12 winners ed 8 errori non forzati rispetto ai 16 della Vandeweghe. Poca precisione nei colpi che non consente in molte occasioni alla giocatrice di New York di sfruttare le palle break costruite come nel sesto ed ottavo gioco. Con il punteggio di 6-2 dunque la Williams si aggiudica il secondo parziale.

Nella terza frazione il canovaccio dell’incontro non cambia e Venus continua ad aggredire il servizio dell’avversaria, non più così incisivo come all’inizio. Arriva il break nel game d’apertura e la n.17 del ranking è abile a salvare due palle dell’immediato controbreak nel game successivo. E’ l’ultimo rischio affrontato brillantemente dalla 36enne stelle e strisce che contralla magistralmente la rivale fino al termine, conservando il gap e chiudendo la contesa sul 6-3.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina facebook Australian Open

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per scoprire quote, pronostici, bonus, recensioni bookmaker su scommesse sportive e molto altro su sport betting è possibile consultare la nostra nuova sezione dedicata alle scommesse online