Pallanuoto, A1 maschile: i migliori italiani della 13^ giornata. Manzi e Guerrato meglio gioventù, Bini decisivo


S’è chiuso sabato il girone d’andata del Campionato di A1 maschile di pallanuoto. Vediamo chi sono stati gli italiani che si sono messi maggiormente in mostra nelle piscine di tutta Italia, in questa 13^ giornata.

Pietro Figlioli e Andrea Fondelli (Pro Recco). L’invincibile armata biancazzurra sbanca anche la “Scandone” di Napoli, colorata con il giallo e il rosso della Canottieri, confermandosi a punteggio pieno leader indiscussa della pallanuoto italica. Pietro e Andrea sono i migliori marcatori nostrani della “Pro” con due gol a testa, in mezzo alla furia balcanica dei vari Mandic, Sukno, Ivovic.

Edoardo Manzi e Stefano Guerrato (AN Brescia). I lombardi travolgono 23-12 la Reale Mutua Torino 81 Iren ed i giovincelli si mettono in bella mostra con due quaterne scintillanti. Leoncelli alla ricerca della Pro Recco perduta, Sandro Campagna potrebbe aver trovato altri due preziosi tasselli per il Settebello del prossimo futuro.

Giacomo Bini (BPM Sport Management). Centrovasca non proprio con il fiuto del gol, super-decisivo nel 6-4 della sua squadra contro il Posillipo. Tre reti, di cui due nell’ultimo quarto: fattore.

Luca Damonte (RN Savona). Il genovese non si ferma più, proprio come alcuni suoi concittadini-navigatori del passato… Altri tre gol. E sono 26!

Matteo Monari (Bogliasco Bene). I liguri superano in volata l’Ortigia e lui ne fa tre – su undici complessivi della sua squadra – risultando il top scorer del match.

Giacomo Cannella (SS Lazio Nuoto). 19, come i suoi anni; 22, come i gol fin qui realizzati in Campionato. Due firme anche a Genova, per un pareggio incapace di scuotere a dovere la classifica della sua squadra, ma che confermano la sua straordinaria vena realizzativa. Habitué della prima squadra biancazzurra dall’età di 16 anni: enfant prodige?!

giuseppe.urbano@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: pagina FB Pro Recco

Lascia un commento

scroll to top