Scherma, Coppa del Mondo: primo podio per un grande Luca Curatoli, ottavi amari per le azzurre

Luca-Curatoli-scherma-foto-Augusto-Bizzi-Federscherma.jpg

E’ sbocciato un campione. Inutile nascondersi dietro l’immenso talento di Luca Curatoli che nella prova di sciabola maschile a Varsavia conquista il primo podio della carriera in Coppa del Mondo. Dominatore nelle categorie giovanili e già protagonista in questa stagione con ottimi piazzamenti, il napoletano centra una fantastica medaglia di bronzo, ma c’è anche il rammarico per aver sfiorato anche la finale, visto che in semifinale Luca è stato sconfitto solo all’ultima stoccata dal rumeno Dolniceanu per 15-14, poi sconfitto dal coreano Gu in finale per 15-8.

Resta comunque la gioia per un bronzo che deve essere un punto di partenza per un ragazzo che ora si candida per lottare insieme agli altri connazionali per quei due soli posti che portano a Rio 2016. Sembrava che il discorso fosse chiuso tra i soliti quattro (Montano, Samele, Berrè, Occhiuzzi), ma adesso bisogna assolutamente inserirci il nome del napoletano per un quintetto che si darà grande battaglia nei prossimi mesi.

La prova di squadra è stata molto positiva, perchè nei quarti sono arrivati anche Diego Occhiuzzi ed Enrico Berrè. il primo è stato sconfitto proprio da Curatoli con il punteggio di 15-9, mentre il secondo è stato sconfitto dal coreano Gu per 15-7.
Ad un passo dai quarti di finale è arrivato Aldo Montano, fermato dall’ungherese Iliasz 15-14; mentre nel turno precedente erano usciti Luigi Samele, Luigi Miracco e Massimiliano Murolo. Subito fuori al primo turno, invece, Alberto Pellegrini, che arrivava da un girone di qualicazione perfetto con sei vittorie in sei incontri.

Poca gloria, invece, a Gand, dove le azzurre non sono riuscite a fare meglio degli ottavi diIliasz finale. Le migliori sono state Rossella Gregorio ed Irene CVecchi, eliminate prima delle sfide che portano alle medaglie. La Gregorio è stata sconfitta dalla coreana Kim per 15-13, mentre la Vecchi è stata fermata da Olga Kharlan con il punteggio di 15-12.
In tabellone erano presenti anche altre due azzurre: Ilaria Bianco è finita out nei sedicesimi per merito della polacca Socha (15-10), mentre Loreta Gulotta è stata subito sconfitta dalla statunitense Muhammad per 15-13.

La vittoria finale è andata ancora una volta a Sofia Velikaya. Per la russa è il tris stagionale e questa volta ha sconfitto nell’ultimo atto l’americana Zagunis per 15-10. Insieme a loro sul podio si sono piazzate Olga Kharlan, sconfitta in semifinale proprio dalla Velikaya (15-13), e l’ungherese Marton (ko 15-14 con la Zagunis)

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

twitter Andre_Ziglio

foto da pagina FB della FIS di Augusto Bizzi per Federscherma

Lascia un commento

scroll to top