Sci di fondo, Coppa del mondo: è sempre festival Norvegia, Pellegrino 11°

Federico-Pellegrino-Sci-di-Fondo-Fisi.jpg

Più che una tappa di Coppa del mondo sembrava un campionato norvegese. Anche la sprint a tecnica libera di Davos è territorio di conquista per i sudditi di re Harald V che tra uomini e donne piazzano nove atleti nei dodici a disposizione della finale, monopolizzando tutti i gradini del podio.

Finn Haagen Krogh (1°), Anders Gloeersen (2°), Eirik Brandsdal (3°) lasciano soltanto le briciole al resto del mondo guidato dal russo Alexey Pethukov, quarto e dallo svedese Calle Halfvarsson, quinto davanti a Tomas Northug.  Uno dei pochi che ha provato a spezzare l’egemonia scandinava è stato il nostro Federico Pellegrino, il migliore nelle qualificazioni, vincitore della batteria ma eliminato in semifinale. 11° alla fine il valdostano, autore comunque nel complesso di una prova positiva che si aggiunge a quella ottima di Ruka.

In campo femminile è Ingvild Flugstad Oestberg a ottenere il secondo successo in Coppa del mondo. La campionessa olimpica di Sochi ha preceduto le compagne di squadra Maiken Caspersen Falla, Celine Brun-Lie, Marit Bjoergen e Heidi Weng. A far paura è sopratutto l’età delle scandinave che, esclusa sua maestà Bjoergen, sono nate tutte negli anni ’90 o giù di lì (Brun-Lie è classe ’88). Primi punti stagionale per Gaia Vuerich, 18^ nelle qualificazioni e alla fine 28^ in classifica.

Foto Fisi fb

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top