Sci alpino, gigante Kühtai: primo squillo della Hector, azzurre indietro

hector.jpg

In quel di Kühtai sembrava tutto pronto per il ritorno al successo di Mikaela Shiffrin, che aveva iniziato alla grande la sua stagione vincendo sul Rettenbach e, dopo alcune performance deludenti, si trovava al comando a metà gara del gigante tirolese: tocca invece alla svedese Sara Hector alzare le braccia al cielo per la prima volta.

Alle insidie di una pista sconosciuta per quasi tutte le atlete si sommano condizioni meteo davvero ostili, con scarsa visibilità e precipitazioni nevose più intense nella seconda manche. ne approfitta al meglio questa ventiduenne di cui si dice un gran bene ormai da qualche stagione, peraltro già seconda sulle nevi amiche di Are. 2:17.61 il tempo che permette alla Hector di precede Anna Fenninger di 9/100: solo terza, appunto, la Shiffrin, staccata di 18/100, quindi una regolarissima Eva-Maria Brem (+0.37) e la norvegese Ragnhild Mowinckel al miglior risultato della carriera (+0.54).

Per l’Italia non è una giornata positiva: sebbene sei azzurre riescano comunque ad andare a punti, confermando il buon livello della squadra, manca un acuto nelle primissime posizioni. La migliore è Irene Curtoni: la valtellinese chiude quattordicesima recuperando qualcosa con una seconda manche più pulita rispetto alla prima; poco più indietro Manuela Moelgg, sedicesima.  Per una Nicole Agnelli non al top fisicamente arriva un positivo diciassettesimo posto (miglior risultato della carriera) frutto di tanta grinta messa in pista ad ogni passaggio; Karoline Pichler si lancia senza paura e, pur commettendo qualche errore di troppo, conquista finalmente i primi e meritati punti di Coppa del Mondo insediandosi al ventitreesimo posto.  Alle spalle della giovane altoatesina la romana Francesca Marsaglia (24^), un po’ poco centrale nella seconda discesa. In coda alla zona punti Federica Brignone: la valdostana era ottava, ma s’inchioda in un cambio della manche decisiva perdendo un paio di secondi che la mettono di fatto fuori gara, costringendola ad un’insipida ventiseiesima posizione. Fuori dalle trenta Elena Curtoni, mentre Marta Bassino, autrice di una prima manche di assoluto attacco, esce a pochi metri da una sicura qualificazione almeno nelle venti. Salta invece nella seconda prova Nadia Fanchini, che era 19^ a metà gara.

Per restare aggiornato sul mondo della montagna, visita La GrandeNeve, anche su Facebook

foto: fis-ski.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top