Nuoto Assoluti invernali 2014. Lampi Codia e 4×100 stile libero, tante conferme a Riccione

image3.jpg

Mattinata di conferme la seconda agli Assoluti invernali in vasca lunga di Riccione. Non arrivano tempi di valore assoluto, a parte il terzo all time di Codia nei 100 farfalla e il record della 4×100 stile libero donne e chi aveva fatto bene ieri in linea di massima si ripete. Si registrano i bis tricolori dello stesso Codia, Detti, Castiglioni, Toniato, mentre Caramignoli, Bonacchi, Trombetti e Di Pietro conquistano il loro primo titolo.

Nei 400 stile donne che hanno aperto la mattinata di gare monologo della francese Coralie Balmy che si impone in 4’08″54. Il titolo tricolore va a Martina Rita Caramignoli (Fiamme Oro), che in rimonta con 4’11″14 batte Chiara Masini Luccetti (Forestale 4’11″25). Terza, staccatissima, Martina De Memme (Esercito) in 4’15″29.

Nicoló Bonacchi (Esercito) domina come da pronostico i 50 dorso con 25″37, precedendo il neo-campione dei 100, il padrone di casa Simone Sabbioni (Esercito, 25″74) e Stefano Mauro Pizzamiglio (Fiamme Oro 25″88). Nei 50 farfalla donne tutto facile per una buona Silvia Di Pietro (Forestale) che conferma di essere in grande condizione vincendo in 26″63. Secondo posto per Elena Gemo (Forestale/Aniene) in 26″87, terzo per Elena Di Liddo (Aniene 27″20).

Finale a sorpresa nei 200 stile uomini dove Gabriele Detti (Esercito/Team Lombardia), che era rimasto nelle retrovie nei primi 150, sfodera un’ultima vasca da 27″05 e piazza la rimonta vincente con 1’49″75. Secondo Damiano Lestingi (Aniene) con 1’50″13 e terzo posto dalla seconda serie per il 22enne Jonathan Boffa (Aniene, 1’50″53). Lontano dal podio Nicolangelo Di Fabio, grande protagonista ad Atene, solo ottavo con 1’50″84.

Conferme anche dalla rana: su buoni livelli per Arianna Castiglioni (Insubrika) che bissa sui 50 rana il titolo conquistato ieri sui 100 con 31″43. Secondo posto per Martina Carraro (Azzurra ’91) in 31″65, terzo per Ilaria Scarcella (Aniene, 32″02), quarta Lisa Fissneider in 32″18. Su livelli discreti nei 100 rana maschili Andrea Toniato (Fiamme Gialle/Team Veneto) che (dopo il titolo dei 50) si impone in 1’01″08 davanti a Lorenzo Antonelli (Larus, 1’01″53) e Edoardo Giorgetti (Fiamme Oro/Aniene1’01″69). Assente per i postumi dell’influenza Fabio Scozzoli.

Nei 400 misti, senza Pirozzi, è la rappresentante delle Fiamme Oro Luisa Trombetti (Fiamme Oro/Rari Nantes Torino) a vincere in 4.43″73 con il personale davanti a Carlotta Toni (Florentia) in 4’48″96 e Ilaria Cusinato (Team Veneto) in 4’50″38. Il risultato più interessante di giornata lo fa segnare Piero Codia (Esercito/Aniene) che vince i 100 farfalla con 52″32, personale e terzo tempo all time in Italia. Segnali di risveglio per Matteo Rivolta (Fiamme Oro/Insubrika) che, pur senza incantare specialmente nella vasca di ritorno, chiude secondo in 52″56. Terzo gradino del podio per Daniele D’Angelo (Aniene) in 53″00.

Arriva il secondo record di società nella staffetta femminile. Dopo quello della 4×100 mista dell’Aniene, è l’Esercito con Letrari (56″84), Nesti (56″71), Biondani (55″84) e Ferraioli (54″10) a ritoccare il primato nazionale con 3’43″49 togliendolo dopo cinque anni all’Aniene. Secondo l’Aniene con Federica Pellegrini che ha chiuso in 54″29 (3’44″62), terza la Forestale con 3’47″83.
Nella 4×100 mista uomini vittoria delle Fiamme Oro (Ciccarese, Giorgetti, Rivolta, Orsi) in 3’38″05, davanti a Esercito (3’39″37) e Forestale (3’40″65).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top