Tennis, WTA Linz: nulla da fare per Camila Giorgi, sfuma il sogno del primo titolo

tennis-camila-giorgi-wimbledon-2013-federtennis-tonelli.jpg

Grandissima delusione per Camila Giorgi che cede a Karolina Pliskova per 7-6 3-6 6-7 in poco meno di due ore e mezza di gioco. La nostra giocatrice non concretizza un match point sul 6-5 del terzo set e, per la seconda volta quest’anno (già sconfitta in finale a Katowice da Alizé Cornet), è costretta a rimandare l’appuntamento con il primo titolo in carriera.

Nel primo set entrambe le giocatrici sono piuttosto fallose. Un break nel quinto gioco ai danni della Giorgi porta la Pliskova sul 3-2. L’immediato controbreak non arriva: l’italiana manca tre palle break consecutive e si fa recuperare da 40-0. Il momento decisivo arriva nel decimo gioco, quando Camila riesce a strappare il servizio all’avversaria, portandosi sul 5 pari. I due successivi turni di battuta sono tenuti dalle rispettive giocatrici e si vola così al tiebeak, dove a spuntarla per 7-4 è l’italiana che vince il primo set per 7-6.

Totale blackout della Giorgi all’inizio del secondo parziale: la ceca, approfittando del momento difficile dell’avversaria, si porta subito sul 4-0. La Pliskova perde un turno di battuta, concedendo un break alla sua avversaria, ma, tenendo il servizio nei successivi game, porta a casa velocemente il secondo set per 6-3.

Dopo il primo game del terzo set, conquistato al servizio dalla Giorgi, la ceca chiede il medical time-out. Qualche dubbio sull’autenticità del problema della Pliskova sorge spontaneo, considerando che i successivi game sono tutti a favore di quest’ultima che, piazzando due break si porta sul 5-1. Piccola reazione dell’italiana che sul 5-2 piazza un break e lo consolida tenendo il successivo turno di battuta. Quando si trova a servire per il match, la Pliskova perde il proprio turno di battuta e consente di rientrate nel match alla nostra, che però non sfrutta un match point sul 6-5 in suo favore. A decidere le sorti dell’incontro è il tiebreak: Camila vanifica tutto e sbaglia tantissimo. La Pliskova vince il tiebreak e, con esso, il torneo.

Ormai Camila Giorgi sembra averci abituati a quest’incostanza che proprio non vuole saperne di andar via: capace di alternare momenti di ottimo gioco, a tratti da top 10, a errori imbarazzanti e punti persi quando sembravano ormai conclusi, la Giorgi non riesce a fare il salto di qualità. Avere forza nelle braccia non basta. Per entrare tra le grandi bisogna usare la testa. Appuntamento a Mosca (o meglio, alla prossima stagione) per verificare se anche lei lo ha capito.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

stefania.gemma@olimpiazzurra.com

Foto: Federtennis/Tonelli

Tag

Lascia un commento

Top