Tre Valli Varesine 2014: Albasini beffa Colbrelli

VARESE – La novantaquattresima edizione della Tre Valli Varesine va a Michael Albasini (Orica-GreenEdge): il trentaquattrenne elvetico, vincitore di ben tre tappe al Giro di Romandia, beffa Sonny Colbrelli (Bardiani-CSF) sulla linea d’arrivo.

Nella prima parte di corsa, partita in tarda mattinata da Luino  prima di attraversare l’asperità dell’Alpe del Tedesco e di immettersi sul circuito cittadino da ripetersi dieci volte, sono diversi i tentativi di fuga: dopo 130 km, quando il ritmo inizia ad alzarsi, al comando si trovano Diego Rosa (Androni-Venezuela), Angelo Pagani (Bardiani-CSF), Brice Feillu (Bretagne-Seche), Christian Meier (Orica-GreenEdge) e il giovanissimo Iuri Filosi, che indossa la maglia della nazionale azzurra. Peraltro il circuito varesino presenta circa 4 km di salita per ogni tornata, esattamente quello che caratterizzerà Ponferrada: inoltre, la pioggia fa la sua comparsa in corrispondenza degli ultimi 30 km ad aumentare ulteriormente le difficoltà. Il gruppo è tirato a turno dagli atleti della nazionale azzurra (misti élite-U23) e della Cannondale, con il padrone di casa Ivan Basso più volte impegnato a tirare: negli ultimi due giri, il tentativo viene di fatto annullato e le carte si rimescolano nuovamente, con undici atleti che transitano in piazza Monte Grappa per l’ultimo passaggio. Tra questi non c’è Vincenzo Nibali, mentre i più brillanti sembrano Edoardo Zardini (Bardiani-CSF), Filippo Pozzato (Lampre-Merida), Damiano Caruso (Cannondale) e l’intramontabile Davide Rebellin (CCC-Polsat).

L’ultimo giro è caratterizzato da una serie di cadute: davanti vanno in terra Gasparotto e Bongiorno, dietro è proprio Nibali ad essere tradito dall’asfalto bagnato. Mauro Finetto (Neri-Sottoli-YellowFluo) prova l’azione da finisseur, ma i compagni di fuga lo riprendono a poche centinaia di metri dal traguardo, quando Colbrelli si lancia in una volata che sembra inarrestabile, salvo essere passato proprio sul traguardo da Michael Albasini, notoriamente uno dei corridori più “furbi” e tatticamente brillanti del plotone. Terza piazza per un Filippo Pozzato che ha dato più di un segnale positivo, quarto l’eterno Davide Rebellin. Quinto un altro azzurrabile come Damiano Caruso che, con questo piazzamento, conferma così le cose fatte vedere in un’ottima stagione: pochi minuti dopo, Davide Cassani ha comunicato i convocati per la prova iridata di Ponferrada. 

foto: greenedgecycling.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mondiali ciclismo Ponferrada 2014: negli under 23 Martinelli tra i favoriti per la crono

Ciclismo, Mondiali Ponferrada 2014: gli 11 convocati azzurri per la prova in linea!