Basket,SerieA1: Bologna e Brindisi il sogno continua, Milano paga l’Europa

basket-bologna-milano-olimpiablog.jpg

Ad inizio anno in pochissimi avrebbero scommesso nel vedere dopo la quinta giornata in testa alla classifica due squadre come Bologna e Brindisi. La Virtus è ormai abituata alle partenze sprint, visto che anche lo scorso anno si rese protagonista di un buon inizio di campionato, per poi crollare inesorabilmente nel girone di ritorno, rischiando addirittura di rientrare nel vortice retrocessione. Anche Brindisi nella passata stagione fu una delle più belle realtà del girone di andata e addirittura la società pugliese riusci nell’impresa di qualificarsi per la sua prima Final Eight di Coppa Italia. Nell’ultimo turno la Virtus ha ottenuto una prestigiosa vittoria nella storica e accesissima sfida con l’Olimpia Milano, mentre l’Enel ha dovuto lottare fino all’ultimo secondo per avere la meglio di Reggio Emilia. Due squadre che possono davvero rappresentare il ruolo di possibili sorprese, visto che in panchina ci sono due allenatori esperti come Bechi e Bucchi e che i due roster sembrano più competitivi ed uniti rispetto allo scorso anno. Con Venezia in crisi, con il ridimensionamento di Reggio Emilia e la rivoluzione di Varese, Bologna e Brindisi potrebbero entrare tranquillamente tra le migliori otto del nostro campionato.

Cercare di far bene sia in Italia che in Europa sembra molto difficile per le nostre squadre, soprattutto per quelle che disputano l’Eurolega e hanno meno giorni di riposo tra un match di coppa ed uno di campionato, rispetto a quelle che giocano l’Eurocup o l’Eurochallenge. Il caso più eclatante è quello di Milano, che è arrivata a Bologna con le pile scariche e che nel momento di maggior tensione del match si è sciolta soprattutto dal punto di vista mentale. L’obiettivo della squadra di coach Luca Banchi è quello di raggiungere almeno le Top16 in Eurolega e quindi almeno per un po’ l’attenzione in campionato potrebbe anche essere minore rispetto agli impegni europei.

La sensazione è quella che nessuna delle squadre italiane sia attrezzata per poter competere su entrambi i fronti. Siena che è in testa alla classifica, in Europa per ora ha raccolto solo sconfitte e salvo miracoli non riuscirà nemmeno a qualificarsi per la fase successiva. Le squadre presenti in Eurocup continuano ad alternare belle prestazioni a sconfitte sicuramente evitabili. Anche la stessa Milano, che in Eurolega ha comunque mostrato qualcosa di buono (tranne nel crollo di Madrid) sta pagando in campionato.

Una nota di merito in questo editoriale sulla quinta giornata la merita anche Caleb Green, autore di un’incredibile e sconvolgente prestazione nella vittoria interna di Sassari contro Varese. Per l’americano ci sono 45 punti a referto e la sensazione di come il Banco di Sardegna abbia un potenziale offensivo davvero impressionante, visto che ci sono anche il milgior marcatore stagionale Drake Diener ed ovviamente in cabina di regia il cugino Travis. La Dinamo insieme a Milano sembra la squadra maggiormente attrezzata e se dovesse cancellare qualche scivolone di troppo (vedi sconfitta a Cremona) potrebbe issarsi velocemente in testa alla classifica.

 

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da olimpiablog

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top