Basket Mercato: la Virtus Bologna sogna in grande. Preso Pietro Aradori, ora assalto ad Alessandro Gentile. L’Olimpia Milano completa il suo roster con quattro colpi americani

basket-pietro-aradori-italia-credit-ciamillo-archivio-fip.jpg

Era nell’aria e pochi giorni fa è arrivata l’ufficialità. Pietro Aradori è un nuovo giocatore della Virtus Bologna. Lo Squalo sembrava ad un passo da Torino, ma dopo che la trattativa è saltata ad un passo dall’annuncio (con annesso botta e risposta tra le due parti) l’inserimento della squadra bolognese ha portato il giocatore della Nazionale alla Virtus. Si tratta di un colpo importante per una squadra che vuole tornare nell’élite del basket italiano. Ora infatti, dopo Aradori, la Virtus darà l’assalto ad Alessandro Gentile, come ha confermato lo stesso presidente Bucci. “Sto personalmente lavorando su queste due operazioni che ritengo determinanti per riportare la Virtus a riprendere il ruolo che le spetta nel basket italiano. Pietro Aradori ed Alessandro Gentile potranno disputare una grande stagione con il supporto della fantastica tifoseria virtussina“.

Dopo aver gettato le basi per la nuova stagione, rinnovando i giocatori italiani ed annunciando Simone Pianigiani come nuovo allenatore, l’Olimpia Milano ha definito la componente straniera del roster della stagione 2017/2018. Nel reparto arretrato è arrivato Andrew Gaudelock, guardia americana classe 1988, con un passato in NBA con i Los Angeles Lakers. Si tratta di un giocatore che ha esperienza ad alto livello anche in Europa, avendo giocato con Unics Kazan (MVP dell’Eurocup 2013/14), Fenerbahce, guidato alla Final Four dell’Eurolega 2015 stabilendo anche il record di triple in una singola partita (10), ed infine Maccabi Tel Aviv, con cui ha disputato l’ultima stagione. Accanto a lui un altro playmaker: si tratta di Jordan Theodore, classe ’89, che nell’ultima stagione ha trascinato il Banvit alla finale di Champions League. Oltre ai due americani, il reparto guardie conterà anche su Dairis Bertans, lettone classe ’89 proveniente dal Darussafaka Istanbul, dopo tre stagioni in Spagna, a Bilbao.

Colpi importanti anche nel reparto lunghi. Il nuovo pivot è Patric Young, americano classe ’92, proveniente dall’Olympiacos, con cui ha giocato le ultime due stagioni, la prima chiusa anzitempo per un infortunio al legamento crociato anteriore e la seconda guidando la squadra alla Final Four. Volti nuovi anche tra le ali. Il serbo Vladimir Micov torna in Italia dopo cinque anni. Nato nel 1985, dopo aver lasciato Cantù nel 2012 ha disputato due stagioni con il CSKA Mosca e tre con il Galatasaray. L’Olimpia ha poi raggiunto un accordo anche con Amath M’Baye, francese classe ’89 visto la scorsa stagione a Brindisi. Ala di 206 cm, è cresciuto nel college americano spendendo tre anni in Giappone prima di arrivare nel nostro campionato. È notizia di ieri infine, l’annuncio della firma di Cory Jefferson. Ala classe 1990, viene dall’NBA: dopo due stagioni tra Brooklyn Nets e Phoenix Suns, ha disputato lo scorso campionato di D-League.

L’Umana Reyer Venezia ha rinnovato il contratto con Julyan Stone, guardia americana classe ’88, tornata nella Laguna nella fase finale della passata stagione dopo l’avventura di due anni fa. Oltre alla conferma del roster vincitore dello Scudetto poi, Venezia ha messo a segno un ottimo colpo. Si tratta di Andrea De Nicolao, playmaker classe ’91. Dopo aver debuttato tra i “grandi” con Treviso, ha giocato prima due anni a Varese e poi a Verona in A2. Nelle ultime due stagioni invece, ha giocato da protagonista a Reggio Emilia. Venezia ha poi comunicato di aver raggiunto un accordo pluriennale con Paul Stephan Biligha, centro italiano, di origine camerunese, di 200 cm. Nelle ultime due stagioni ha giocato a Cremona, incrementando i propri numeri: il CT Ettore Messina infatti, ha voluto premiarlo convocandolo per il Training Campo di Folgaria e dandogli la chance di giocarsi un posto tra i 12 che disputeranno l’Europeo.

Primo rinforzo anche per la Dolomiti Energia Trentino. I vicecampioni d’Italia, dopo aver mantenuto intatta l’ossatura dello scorso anno, hanno acquistato Ojars Silins, ala lettone classe ’93 che conosce molto bene il nostro campionato: è reduce da una stagione giocata in Germania ma in precedenza aveva disputato ben 6 campionati con la Pallacanestro Reggiana, raggiungendo due finali Scudetto.

Dopo essere stata protagonista nelle prime settimane di mercato, la Dinamo Sassari è tornata a rinforzare il proprio roster. Marco Spissu torna in Sardegna, dopo l’ottima stagione disputata con la Virtus Bologna. Playmaker classe ’95, fa quindi ritorno nella squadra in cui era cresciuto e che aveva lasciato nel 2013 per accumulare esperienza e crescere. Dusko Savanovic, ritiratosi dal basket giocato, rimarrà a Sassari, ricoprendo il ruolo di International Scout, monitorando il mercato europeo in cerca di nuovi talenti.

La Sidigas Avellino ha raggiunto l’accordo per la prossima stagione con Thomas Scrubb, ala classe ’91, canadese con passaporto britannico, proveniente dalla Germania.

Nuovo playmaker per la Pallacanestro Varese. Si tratta dell’americano Cameron Wells, classe 1988, che ha firmato un contratto di due anni, dopo due stagioni passate in Germania al Tubingen.

Volto nuovo in cabina di regia anche per Pesaro, che ha firmato il playmaker americano Dallas Moore. Giovanissimo, nato nel 1994, sbarca in Europa per la sua prima esperienza professionistica, dopo essere uscito dal college di North Florida. Pesaro ha poi raggiunto un accordo annuale con l’argentino Pablo Bertone. Proveniente dal Cordoba, dopo essersi formato cestisticamente negli Stati Uniti ha giocato una sola stagione in Europa, in Spagna a Palma de Mallorca.

Secondo straniero per la FIAT Torino. Si tratta di Durand Scott, guardia-ala, classe 1990, americano ma di passaporto giamaicano, che ha giocato le ultime due stagioni a Brindisi.

Proprio l’Enel Brindisi ha annunciato il primo acquisto. È Obinna Oleka, ala/centro statunitense con passaporto nigeriano, reduce dall’esperienza del college, avendo giocato le ultime due stagioni ad Arizona State.

La Pallacanestro Cantù ha acquistato l’ala Davide Raucci, napoletano classe 1990, proveniente dalla Fortitudo Bologna.

Roland Moore, playmaker di 29 anni, ha rinnovato il proprio contratto con la The Flexx Pistoia per un altro anno. Dopo essere arrivato in Italia a Caserta, trascorrerà la sua terza stagione in Toscana.

La Betaland Capo d’Orlando ha messo a segno il primo colpo di mercato. Il lituano Arnoldas Kulboka, ala classe 1998, arriva in prestito dai campioni di Germania del Brose Bamberg. Un acquisto davvero importante per l’Orlandina: un giocatore molto giovane ma già considerato uno dei migliori prospetti europei anche in ottica NBA.

 

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ciamillo Archivio FIP

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top