Vuelta 2013: attenzione a Chris Horner!

oa-logo-correlati.png

Scartato perché “troppo vecchio”. Facile il motivo per cui in pochissimi, tra giornalisti, tifosi e altri addetti ai lavori, non hanno mai considerato seriamente Chris Horner per questa Vuelta 2013: il ragazzo compirà 42 (quarantadue!) anni a metà ottobre.

Eppure, dopo le ottime cose già dimostrate nella prima settimana, lo statunitense non ha vinto, ma ha letteralmente dominato il tappone dell’Alto de Hazallanas; quello che gli spagnoli, nelle interviste pre-gara, definivano addirittura “il più duro di tutta la corsa”, anche se, a dirla tutta, alcuni profili altimetrici con cui avremo a che fare prossimamente sembrano persino più agghiaccianti. Horner è andato via con una facilità impressionante e non ha mai ceduto, nonostante la salita finale presentasse pendenze davvero impegnative: l’atleta della RadioShack ha continuato ad incrementare su tutti i grandi favoriti sino agli ultimi metri e ora si pone con grandissima decisione tra i papabili perlomeno per un posto sul podio di Madrid.

In carriera ha sempre dimostrato di essere un ottimo scalatore, pur senza essere mai andato oltre un nono posto al Tour de France 2010; c’è anche da dire che mai prima d’ora aveva potuto correre da battitore libero, da capitano di una squadra, oltretutto di una grande squadra come la RadioShack. Quest’anno invece ha incentrato la preparazione sulla corsa spagnola e non ne ha mai fatto mistero pubblicamente; solo che, appunto, in pochi gli davano credito. Nonno Chris invece guarda tutti dall’alto in basso, ed è lui il primo a sapere di non potersi permettere distrazioni: troppo tosto il percorso di questo Vuelta per pensare di averci già messo sopra una seria ipoteca.

foto tratta da wielerzone.be

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Tag

One thought on “Vuelta 2013: attenzione a Chris Horner!”

  1. Luca46 scrive:

    Io non credo che riuscirà a farcela. Vedo bene Nibali, secondo me si sta gestendo. Un segnale importante lo vedremo mercoledì con la crono dove nessuno puo’ nascondersi. Dico che si sta gestendo perchè mi sembra quello che in realtà non ha avuto una tappa no. Gli altri invece mi sembrano piu’ discontinui, soprattutto legati al tipo di percorso. Sicuramente la fantastica cronosquadre iniziale gli ha permesso questa gestione della situazione. La corsa si deciderà all’Angliru. Per il podio vedo bene Valverde, Rodriguez e Basso. Horner va forte ma l’ultima settimana sarà tremenda perchè secondo me alcuni hanno già accumulato un bel po’ di fatica nelle gambe e chissà che non sia proprio Basso la sorpresa.

Lascia un commento

Top