Tennis, Us Open2013: favoriti, sorprese e speranze dell’ultimo Slam dell’anno

oa-logo-correlati.png

L’ultimo Slam dell’anno ormai è alle porte e da domani si comincerà a fare sul serio sui campi di Flushing Meadows. Mentre in campo femminile il pronostico sembra riservato al duello Williams-Azarenka, tra gli uomini c’è grande fermento per uno Us Open che si appresta ad essere molto spettacolare e ricco di colpi di scena.

La nostra analisi parte proprio dal settore maschile e qui il grande favorito secondo i bookmakers è Rafa Nadal, reduce dalla doppietta Montreal-Cincinnati delle ultime settimane. Il maiorchino sembra non risentire più dei problemi al ginocchio sul cemento e arriva a New York con un record immacolato su questa superficie, perchè bisogna ricordare che il numero due del mondo in stagione ha giocato un solo altro torneo sul cemento, Indian Wells, dove ha trionfato in finale contro Del Potro.
Un Nadal tirato a lucido e in grande forma e che potrebbe trovare sulla sua strada ai quarti di finale Roger Federer. L’eterna rivalità tra lo svizzero e lo spagnolo potrebbe così consumarsi molto presto, a causa del rendimento poco brillante del tennista di Basilea quest’anno, che lo ha fatto scendere di classifica e diventare la testa di serie n°7 del torneo. Roger dalla sua potrebbe avere il vantaggio di non sentire assolutamente la pressione di vincere a tutti i costi, anche se lascia scalpore non mettere tra i favoriti l’ex numero uno del mondo.

Nella parte alta del tabellone ci sono i due rivali più accreditati di Nadal, Andy Murray e Novak Djokovic. Lo scozzese è campione uscente, ma non ha brillato negli ultimi tornei americani ed anche il serbo non sembra arrivare a New York nelle migliori condizioni possibili. Entrambi dovranno stare molto attenti, perchè ai quarti potrebbero incrociare rispettivamente Tomas Berdych e Juan Martin Del Potro.

Proprio il ceco e l’argentino sono da considerare i primi outsider ed inoltre va ricordato come Delpo è l’ultimo tennista al di fuori dei Fab Four a vincere un torneo dello Slam (proprio gli Us Open nel 2009). Dietro di loro non vanno dimenticati i grandi bombardieri come Isner, Raonic, capaci di raggiungere le finali di Cincinnati e Montreal. In pochissimi parlano di David Ferrer, testa di serie n°4, che ha tutte le carte in regola per raggiungere almeno la semifinale. Tra le sorprese possiamo metterci anche il nostro Fabio Fognini, ma la speranza è quella che il ligure abbia recuperato tutte le energie fisiche e mentali e poi sul suo cammino agli ottavi ci dovrebbe essere Novak Djokovic, un muro forse invalicabile in questo momento per l’azzurro.

 

Tra le donne abbiamo già preannunciato di un duello tra Serena Williams e Vika Azarenka. Molto difficile che la finale non sia questa, per lo più dopo il ritiro di Maria Sharapova. le due giocatrici si sono affrontate anche nell’ultima finale di Cincinnati e a prevalere è stata la bielorussa al termine di una sfida molto combattuta e decisa solamente al tiebreak del terzo set. L’Azarenka in questo momento sembra essere l’unica nel circuito a poter contrastare la forza e la potenza di Serena, che resta comunque la favorita per la vittoria finale.

Dietro di loro c’è un vasto gruppo di possibili sorprese, che comprende anche due azzurre. Agnieszka Radwanska, testa di serie n°3, è la prima outsider di lusso ed è stata sorteggiata nella stessa parte di tabellone della Williams e quindi eventuale semifinale con l’americana. Subito dietro possiamo inserire anche la cinese Li e la ceca Kvitova (quest’ultima in finale a New Haven), ma entrambe non riescono a trovare grande continuità nell’ultimo periodo.

Abbiamo parlato anche di due azzurre: Sara Errani e Roberta Vinci l’anno scorso si sono affrontate in uno storico quarto di finale e la bolognese deve difendere la semifinale. Bisogna ricordare come entrambe siano in una parte di tabellone molto interessante e favorevole, che potrebbe portare almeno una delle due tra le prime otto.

In quel settore di torneo sono inserite anche la danese Caroline Wozniacki e la rumena Simona Halep. Soprattutto quest’ultima è la giocatrice che fa più paura, perchè sta attraversando un 2013 straordinario e ricco di successi, che l’ha portata alla ribalta come una delle tenniste più in forma del momento, come dimostra la finale di New Haven.

Un gradino sotto ci sono tutte le altre, dalla Stephens alla Kerber, dalla Flipkens alla Jankovic, ma soprattutto tra le donne almeno una sorpresa ogni anno viene fuori.

 

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da sfgate.com

Lascia un commento

Top