Mosca 2013: super Trost! Out Hooper e Milani, sorpresa giavellotto

oa-logo-correlati.png

Che bella Alessia Trost! Percorso netto fino a 1.92 (1.78, 1.83, 1.88 in precedenza), sempre altissima, tecnica ritornata sopraffina dopo le crisi dei primi mesi all’aperto e relativa facilità in tutto l’approccio all’asticella. 1.92 al mattino presto è tanta roba e la friulana ha confermato di essere sulle sue misure. Ma soprattutto ha sciolto egregiamente il ghiaccio e non è parsa assolutamente emozionata come invece è capitato in altre occasioni tra le big (come agli Euroindoor). Certo in finale sarà tutto un altro film, ma se questa è la Trost di Mosca allora ci sarà davvero da divertirsi sabato pomeriggio e si potrà seriamente sognare.

All’atto conclusivo parteciperanno in 13: le atlete che hanno superato 1.92 hanno scelto insieme di non andare oltre. Percorsi netti per la superfavorita Anna Chicherova, per l’osso duro Emma Green Tregaro, per le altre russe Irina Gordeeva e Svetlana Shkolina, per la spagnola Ruth Beitia e per la lituana Airine Palsyte. Brigetta Barrett, primatista stagionale e altra grande favorita, ha rischiato seriamente l’eliminazione alla misura di entrata di 1.83, ma poi è passata al terzo tentativo e poi è andata via tranquilla.

 

Clamorosa eliminazione dal tiro del giavellotto. Proprio come nel salto in lungo, esce il campione olimpico: Kestorn Walcott. Il trinidegno, vincitore a sorpresa a Londra, si ferma a un modesto 78.78 che lo esclude dalla finale!

Pochi problemi per i grandi favoriti: il ceco Vitezslav Vesely (81.51), il finlandese Tero Pitkamaki (84.39), il norvegese Andrea Thorkildsen (83.05) e il russo Dmitri Tarabin (81.32). Da annotare la bella bomba dell’egiziano Ihab Abdelrahman El Sayed che con 83.62 realizza il nuovo record nazionale.

 

Cocente eliminazione per Gloria Hooper. La veronese di origini ghanesi non corre alla grandissima la sua serie dei 200m e chiude al quarto posto. Rimane per tutto il tempo a sperare nel ripescaggio con il suo alto 23.10 (comunque stagionale visto che il 2013 è stato parecchio travagliato), ma all’ultimo i sogni svaniscono. L’azzurra è la prima delle escluse dalle semifinali per soli cinque centesimi.

Le big non hanno problemi e si conferma che la lotta per l’oro sarà tra Shelly-Ann Fraser Pryce  (22.78) che cerca la doppietta dopo il successo sui 100m, e la statunitense Allyson Felix (22.59) apparsa in grande forma. Si potrebbero introdurre Murielle Ahoure (22.66) per cercare un nuovo podio, Blessing Okagbare dopo l’argento del lungo e la finale sui 100m (22.79).

 

Nulla da fare per Marta Milani nelle batterie degli 800m. L’azzurra fa ancora fatica a digerire il doppio giro di pista dopo anni sulla mezza distanza e si ferma al sesto posto nella sua serie (2:02.41, lontano dal personale).

 

Non ci sono sorprese dal getto del peso, se si esclude l’eliminazione del russo Maksim Sidorov (19.63). I migliori passano senza problemi: norma per lo statunitense Ryan Whiting (21.51), il polacco Tomasz Majewski (20.76), il ceco Ladislav Prasil (20.90), il tedesco David Storl (20.71). 20.42 per Reese Hoffa che passa insieme a Dylan Armstrong (20.39).

Lascia un commento

Top