Basket,Eurolega: Siena infila la terza, Cantù cede nel finale

oa-logo-correlati.png

Serata al cardiopalma per le due squadre impegnate nella sesta giornata dell’Eurolega. 
La Montepaschi Siena conquista il terzo successo consecutivo europeo, sconfiggendo in Germania l’Alba Berlino per 75-73 al termine di una partita davvero pazzesca e risolta solamente da un canestro di Daniel Hackett a 14” dalla fine. Ancora una volta il migliore dei toscani è Bobby Brown, top scorer dell’incontro con 21punti e autore del break senese ad inizio terzo quarto, che aveva portato i campioni d’Italia a toccare il massimo vantaggio sul +14. Da quel momento succede qualcosa di incredibile con la squadra italiana che non segna più e vede rosicchiare dall’Alba tutto il vantaggio costruito. Thompson (migliore dei suoi con 20punti) e l’ex romano Djedovic contribuiscono al 14-0 con cui Berlino mette addirittura il naso avanti. Il finale è pirotecnico e due triple di Kangur e Ress rimettono tutto in parità, prima del guizzo finale di Hackett. Un successo molto importante per i toscani, che pur non ribaltando lo scontro diretto dell’andata, centra una vittoria fondamentale per la qualificazione alle Top16.

 

Un passo falso che proprio non ci voleva è quello della Mapooro Cantù, sconfitta ancora una volta dall’Olimpija Lubiana. In Slovenia i brianzoli cedono per 81-79 e potrebbero aver compromesso il passaggio del turno, perchè ora dovranno recuperare una partita di svantaggio a squadroni come Panathinaikos e Fenerbache.
Tornando al match di stasera a Cantù non è bastato un grande Pietro Aradori da venti punti e autore dello strepitoso canestro che aveva rimesso in parità il match a trenta secondi dalla fine. L’equilibrio è stato rotto dai liberi di uno scatenato Jaka Blazic, miglior marcatore con 30punti e mattatore dell’incontro con le sue bombe da tre. La squadra di coach Trinchieri avrebbe anche il pallone per andare agli overtime, ma prima Tabu (gli arbitri si mangiano il fischietto nell’occasione) e poi Leunen non trovano la retina. Ora si fa dura, ma Cantù è capace di fare miracoli.

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da tuttosport.com

Lascia un commento

scroll to top