F1, GP Canada 2016 – gara: ancora Lewis Hamilton a segno, Vettel 2° con rammarico e Rosberg 5°

Hamilton-Mercedes-Valerio-Origo.jpg

Nel settimo appuntamento del Mondiale di F1 2016, sul tracciato “stop and go” del GP del Canada 2016, successo di Lewis Hamilton, il secondo stagionale (45esima vittoria della carriera), davanti ad un mai domo Sebastian Vettel e ad un sorprendente Valtteri Bottas. Giunge in quinta piazza Nico Rosberg, protagonista di una gara molto complicata e regolato da uno strepitoso Max Verstappen (quarto) che lo ha indotto all’errore nel penultimo giro. Ottiene una sesta piazza decisamente anonima Kimi Raikkonen che mai è stato all’altezza dell’altro ferrarista.

Una gara davvero emozionante fin dal via con Vettel a scavalcare le due Mercedes, fulminandole al via, e balzando in testa alla prima curva mentre le due frecce d’argento si toccano con Hamilton che “butta fuori” il compagno di squadra Nico Rosberg in decima piazza mentre Kimi Raikkonen resta relegato alle spalle delle Red Bull di Max Verstappen (terzo) e Daniel Ricciardo (quarto). Vanno via Seb e Lewis con giri da qualifica sul piede del 1’17”. Dopo una decina di giri, per il ritiro di Jenson Button arriva la Virtual Safety Car e la Ferrari decide di chiamare sia il tedesco che Kimi per montare le super soft e cercare di sfruttare la situazione. Tattica strategica discutibile, perchè costringe il teutonico a stare dietro al campione del mondo 2008-2014-2015 e ad impostare una gara d’attacco. Non si tira indietro Sebastian che si libera delle due Red Bull mettendosi alle spalle delle Mercedes numero 44. Hamilton fa un piccolo capolavoro restando lungamente in pista con la ultrasoft e nel walzer dei cambi-gomme con le soft la freccia d’argento di Lewis si rivela imprendibile. Una gestione eccellente che vale il secondo successo stagionale davanti a Vettel. Alle spalle del duo, un grande Valtteri Bottas che approfittando di una strategia molto intelligente e delle disavventure di Rosberg (probabile fortatura) col tedesco delle Mercedes autore di una rimonta e coprotagonista di un duello eccezionale con Verstappen per la quarta piazza. Una difesa incredibile quella di Max che costringe il buon Nico a stare dietro. Semplicemente incredibile. Decisamente deludente invece la prestazione di Ricciardo, fin dal via e molto meno determinato rispetto al suo giovane teammate che gli vale la settima posizione finale davanti a Nico Hulkemberg, Carlos Sainz e Sergio Perez.

ORDINE DI ARRIVO

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto di Valerio Origo

Lascia un commento

Top