Nuoto, Assoluti invernali: Pellegrini da 1’56”, personale per Detti e Carraro

Federica-Pellegrini-nuoto-foto-fb-open-de-france-de-natation.jpg

Convincono gli azzurri impegnati nella prima sessione di gare agli Assoluti invernali di nuoto in vasca lunga iniziati oggi a Riccione. Gabriele Detti, ritrovato in corta agli Europei di Netanya con due medaglie, continua il suo avvicinamento a Rio 2016 migliorando il proprio personale nei 400 stile libero: da 3’47”05 al 3’46”46 di questa mattina. Dietro al francese Damien Joly (3’50”70) e allo spagnolo Gutierrez-Cabell Sanchez (3’56”16) – sul podio nelle premiazioni Open – si rivede il 19enne Nicolangelo Di Fabio, 3’53”52.

Indicazioni interessanti anche da parte di Federica Pellegrini: la veneta, attesa nei 200 sl che in lunga ha già nuotato in Coppa del Mondo a novembre, tocca in 1’56”26 migliorando sensibilmente i tempi di Doha (1’58”) e Dubai (1’57”) con i quali fu argento dietro a Katinka Hosszu. La Divina è reduce dal quinto oro europeo della carriera in corta con tanto di miglior crono di sempre in tessuto. Sotto i due minuti anche Alice Mizzau (1’59”18) e Chiara Masini Luccetti (1’59”96): la staffetta 4×200 sl argento a Kazan prende forma in vista di Rio.

Buona forma per Ilaria Bianchi, che a Netanya rimase giù dal podio dei 100 farfalla per soli due centesimi. L’emiliana, bronzo agli Europei di Berlino in una specialità in cui la concorrenza continentale equivale praticamente a quella mondiale, è già sotto i 58” in 57”80. Alle sue spalle Silvia Di Pietro (58”72 dopo le fatiche e le cinque medaglie di inizio dicembre) ed Elena Di Liddo (59”81).

Le gare veloci non olimpiche premiano una rediviva Arianna Barbieri (28”43 nei 50 dorso, Elena Gemo è staccata di tre decimi e anche Veronica Neri sta sotto i 29” per sei centesimi), Piero Codia (23”55 nei 50 farfalla, 24” netto per Matteo Rivolta e 24”25 per Luca Dotto, che torna dopo l’assenza in Israele) e Fabio Scozzoli. Il romagnolo, nei 50 rana, è secondo nel complesso in 27”89, ma davanti a sé ha l’uzbeko Vladislav Mustafin (27”81). Vicinissimi a Scozzoli pure Andrea Toniato (27”90, un centesimi dietro) e Lorenzo Antonelli (27”97).

Nei 100 rana al femminile ci si attendeva il rientro di Arianna Castiglioni, bronzo europeo nel 2014 e finalista mondiale a Kazan a soli 17 e 18 anni, ma la lombarda (1’08”09) si inchina a una brillante Martina Carraro, che con il personale di 1’07”55 (4° tempo italiano all-time) conferma tutte le belle parole spese su di lei in questo autunno. Terza Ilaria Scarcella in 1’08”86. Federico Turrini si prende i 400 misti in 4’17”24 davanti a Luca Marin (4’21”37) e Giorgio Gaetani (4’22”22). Infine, le staffette vanno all’Aniene: nella 4×100 sl maschile il neo acquisto Filippo Magnini fa 48”77 lanciato, mentre nella 4×100 mista donne spicca il 53”79 della fidanzata Federica Pellegrini.

Alle 16.40 (diretta su RaiSport 1 dalle 17) inizierà la seconda sessione di finali con i 100 sl uomini in chiusura di programma. Le gare di questa mattina, invece, saranno trasmesse in differita sempre su RaiSport 1 tra le 14 e le 15.30.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Open de France 2015

Lascia un commento

Top