Nuoto, Europei vasca corta Netanya 2015: il pagellone finale dell’Italia. Fondamentale il recupero di Detti

Gabriele-Detti-nuoto-deepbluemedia-giorgio-scala-ricevuta-da-comunicato-Len.jpg

Ieri sono terminati gli Europei di nuoto in vasca corta a Netanya (Israele), rassegna più che felice per l’Italia che ha raccolto nel complesso 17 medaglie (7-5-5), timbrando anche un nuovo record del mondo grazie all’assolo di Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero.

Gli azzurri, ben preparati all’appuntamento snobbato da nazioni come Francia e Spagna, sono piaciuti anche e soprattutto per i tantissimi primati personali (61) e record italiani (17) caduti nella manifestazione. Infine, ci sono da sottolineare i tanti podi con vari significati di Gabriele Detti (ritorno al top), Simone Sabbioni (prima volta) e Matteo Rivolta (salto di qualità), ottime indicazioni in vista della seconda parte di stagione, che porterà a Rio 2016, dove tutto ovviamente sarà diverso.

Ecco il pagellone finale dei protagonisti azzurri di Netanya 2015:

Gregorio Paltrinieri, 10: ormai non stupisce più. A 21 anni ha già vinto tutto – medaglia olimpica a parte, ma quella è work in progress – e si prende pure il primo record del mondo della carriera, cancellando non Sun Yang in lunga ma una vera e propria leggenda del nuoto, Grant Hackett e il 14’10”10 che resisteva dal 2001 e che non era caduto neanche con l’avvento dei costumoni gommati. E meno male che non era al top della forma…

Federica Pellegrini, 9.5: fa il suo, e lo fa al solito al meglio. Oro nei 200 stile libero, il quinto della carriera a dieci anni di distanza dalla prima volta di Trieste, e il giorno prima è quinta nei 100 con tanto di record italiano. Cos’altro? Ah, un oro in staffetta (4×50 sl femminile) seppur senza spingere. E’ già affamata, la Divina.

Gabriele Detti, 9: è bronzo di cuore nei 400 stile libero, è argento di talento dei 1500 sl. Peccato che a Rio non ci saranno gli 800, la specialità che sembra poter calzare al meglio sulle sue doti acquatiche. Ma questi Europei vanno in archivio con un verdetto importante: il 2015 buio è alle spalle. Il toscano c’è e ci farà sognare.

Silvia Di Pietro, 9: la vera grande sorpresa dell’Italnuoto a questi Europei. La 22enne romana è una furia, smart ma efficacissima, che si toglie lo sfizio di salire sul podio dei 50 farfalla di fianco all’oro e all’argento di Kazan (Sarah Sjoestroem e Jeanette Ottesen) dopo il record italiano della semifinale e continua a stupire anche nelle altre gare. Suo pure il nuovo RI dei 50 sl (in apertura della staffetta d’oro al femminile) e tris servito con la 4×50 mista mista e la 4×50 sl mista più il bronzo nella 4×50 mista donne. Infine, ecco il nuovo personale nei 100 delfino, in cui soffre ancora in resistenza ma scende per la prima volta sotto i 57”. Da applausi.

Simone Sabbioni, 9: alla vigilia chiedevamo la prima medaglia individuale, per sbloccarsi definitamente, ed ecco che il bronzo arriva nella maniera più aspettata, in quei 200 dorso che “non sono la mia specialità, ma da oggi lo diventeranno, soprattutto in corta“. Poi il 19enne romagnolo è oro con la 4×50 mista mista e con la 4×50 mista, chiude quinto nei 100 – in una gara comunque dall’altissimo livello – e si prende l’argento ex aequo nei 50, ovviamente con altri tre record italiani in sequenza. C’è una lieta costante nella crescita di Simone: il miglioramento continuo, a ogni gara, in ogni periodo. A Netanya 2015 cambia la storia del dorso azzurro: addio ai primati gommati di Damiano Lestingi, ora comanda Sabbioni.

 

CLICCA SU PAGINA 2 PER CONTINUARE A LEGGERE LE PAGELLE

6 thoughts on “Nuoto, Europei vasca corta Netanya 2015: il pagellone finale dell’Italia. Fondamentale il recupero di Detti”

  1. Gaiacave scrive:

    Grande Europeo per tutti. Più che la classifica finale nel medagliere, contano tutti i record battuti, questo vuol dire che la preparazione e la testa erano perfettamente apposto per questo appuntamento
    Si può guardare sempre con più fiducia avanti, specie per preparare l’evento clou del 2016, cioè le Olimpiadi.
    Spero vivamente che tutti gli atleti che andranno a Rio siano nella stessa condizione di oggi e non sia un flop come a Londra 2012
    Anche perché personalmente con questa condizione sono tante le ns punte e le possibili sorprese (riprendendo vs “borsino”)

    PALTRINIERI certezza assoluta; da oro sicuramente
    PELLEGRINI altra certezza; difficile da Oro, ma da medaglia sicuramente
    DETTI recupero fondamentale; se ok può puntare alla sorpresa nei 1500 metri
    ORSI difficile una medaglia sia sui 100 metri che sui 50 metri; il suo primo obiettivo è quello di arrivare in finale; poi li può succedere di tutto, soprattutto nella gara più corta
    BIANCHI/DI PIETRO attenzione…. la rivalità può far bene ad entrambi… ricordo che una Bianchi da record italiano sarebbe stata di bronzo a Kazan…. dietro a Sjostroem e Ottesen può succedere di tutto…..

    STAFFETTA
    4X200 metri femm sicuramente da medaglia
    4×100 metri maschili se tutti danno il 100% possibile sorpresa
    4×100 mista maschili Sabbioni – Rivolta – Scozzoli – Orsi……. non dico nulla, ma anche qua se tutti sono al 100% della loro condizione….

    Le aspettative sono buone….. vedremo tra 9 mesi…..

    1. Francesco Caligaris scrive:

      Pienamente d’accordo, soprattutto sulle staffette.

  2. Francesco Caligaris scrive:

    Ciao Luca,

    sì abbiamo vinto la classifica per nazioni con 1099 punti proprio davanti a Russia (952) e Ungheria (738).

    Se dovessi dare un voto globale all’Italia sarebbe non meno di 9 pieno, pur sapendo che comunque è stato un evento “minore” per di più snobbato da molti possibili rivali. Complimenti a tutti, dunque, ma che sia solo il primo passo verso una grande stagione in lunga, ché Rio è il vero obiettivo.

    Tuttavia sono fiducioso, anche perché è innegabile che siamo su un trend positivo dopo Berlino 2014 e Kazan 2015. E, come ho già avuto modo di scrivere, da questi Europei mi tengo soprattutto (oltre a Paltrinieri e Pellegrini, due certezze) il recupero di Detti e la crescita costante di Sabbioni.

    1. Luca46 scrive:

      Certamente e pure le staffette sono state positive. Al di là dell’assenza di diversi campioni noi il nostro lo abbiamo fatto andando a stabilire un sacco di primati personali. Volevo chiederti un ultima cosa proprio in virtù di questa considerazione. Pensi che questi primati abbattuti siano un segno di crescita che andrà avanti oppure c’è la possibilità che molti abbiano dato il massimo qui? A Rio le seconde linee sapranno nigliorare ancora?

      1. Francesco Caligaris scrive:

        Al momento, di certo sono un segnale di crescita. Spero ovviamente che la crescita non si fermi qui. Aver dato il massimo agli Europei in corta mi pare stupido (ma da Italia, purtroppo).

  3. Luca46 scrive:

    Ed un voto globale all’Italia quale sarebbe secondo te Francesco?
    Tra l’altro non so se veniva assegnata ma credo che in un ipotetica classifica per nazioni saremme al primo posto, anche prima di Ungheria e Russia.

Lascia un commento

Top