Ginnastica, Mondiali 2015 – Finali di Specialità: volteggio tra Biles e Hong; staggi caldissimi. Chi vincerà?

Simone-Biles-Mondiali-Glasgow.jpg

Oggi pomeriggio (ore 14.30, diretta scritta e streaming su OASport, diretta tv su RaiSport) si disputerà la prima parte delle Finali di Specialità ai Mondiali 2015 di ginnastica. In palio 5 titoli, 15 medaglie e soprattutto i pass olimpici per chi salirà sul podio (a patto che la sua Nazione non sia già qualifica con la squadra a Rio 2016).

 

VOLTEGGIO (femminile):

Si preannuncia una spericolata lotta a tre per il podio: Simone Biles, Un Jong Hong, Maria Paseka. La statunitense, entrata nella leggenda dell’artistica dopo aver conquistato il terzo titolo all-around consecutivo, inizia il suo lungo finale di specialità proprio dall’unico attrezzo su cui è stata sconfitta nel 2014: ha concluso al comando il turno di qualificazione, possiede un Amanar stellare sul primo salto ma è il secondo a non farle dormire sonni tranquilli, visto che potrebbe essere troppo semplice per raggiungere l’obiettivo dei 5 ori a questi Mondiali. La 18enne di Columbus è però fortunata perché si esibirà penultima, conoscendo già tutti i risultati delle avversarie.

La nordcoreana Hong, già Campionessa Olimpica nel 2008, difende il titolo conquistato lo scorso anno proprio in faccia alla Biles e va a caccia anche di un pass per Rio 2016 (dovrà salire sul podio). Dalla sua Cheng e Amanar, proprio come la Paseka che quest’anno ha già vinto il titolo europeo e ora vuole la doppietta. Tutte e tre sono molto precise, difficile trovare la vera favorita.

Giulia Steingruber ci proverà fino in fondo, momento storico per l’India alla sua prima finale iridata con Dipa Karmakar che ci farà divertire col suo Produnova. Completano il parterre la cinese Yang Wang, la messicana Alexia Moreno Media e la britannica Ellissa Downie ma sulla carta non avranno moltissime carte da podio.

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

Riuscirà Viktoria Komova a tornare sul tetto del Mondo dopo Tokyo 2011? La vicecampionessa olimpica, reduce da una pessima finale a squadre (è caduta proprio dagli staggi) e anche alla trave, al centro delle polemiche doping in settimana viste le sue dichiarazioni contro le americane, cerca un nuovo colpaccio.

La russa è seconda al termine del turno di qualificazioni, alle spalle della connazionale Daria Spiridonova, bronzo a Nanning 2014 e Campionessa d’Europa in carica. Non sono però le super favorite perché è la Cina a spaventare. Sicuramente Yilin Fan metterà paura dall’alto delle sue incredibili difficoltà e del suo immenso talento, che in qualifica si era spento ma che si è poi esaltato durante la finale a squadre.

Chunsong Shang è stata ripescata per la regola dei passaporti che ha escluso Paseka e Biles e, dopo la sbalorditiva prova nell’all-around, è assolutamente da tenere d’occhio per le medalgie.

In tutto questo resta l’interrogativo Madison Kocian. Cosa riuscirà a combinare la specialista statunitense in questa tonnara di Campionesse? Terza in qualifica, ha l’over 15 abbondante nelle gambe ma la pressione della gara più importante della carriera potrebbe giocarle un brutto scherzo.

La tedesca Sophie Scheder monitorerà l’attenzione per provare l’impresa, la britannica Ruby Harrold terrà alta la bandiera britannica privata del talento di Rebecca Downie causa caduta in qualifica.

 

CORPO LIBERO (maschile):

C’è solo un nome: Kenzo Shirai. La vite umana dovrebbe tingersi d’oro senza alcun problema. Dietro la lotta è apertissima: i russi si sono chiamati fuori in qualifica. Lo spagnolo Zapata fiuta l’impresa, Manrique vuole ripetere l’impresa dell-around e qualificarsi alle Olimpiadi proprio come il cileno Gonzalez, i britannici Whitlock e Purvis vanno seguiti, Deng secondo in qualifica e terzo nell’all-around cerca la doppietta.

CAVALLO CON MANIGLIE:

Che l’oro vada al collo di un britannico è quasi scontato, a meno di grandi cadute o super prestazioni altrui: Louis Smith, primo in qualifica, o Max Whitlock?

Oleg Verniaiev vuole riscattare l’amaro quarto posto dell’all-around, l’armeno Merdinyan ha l’occasione della vita, Seligman è un super specialista da temere, il giapponese Kaya ha il punteggione nelle corde, Naddour è il nome nuovo, Hidvegi cercherà di riscattare l’eliminazione del Campione Olimpico Berki.

ANELLI:

Sulla carta il greco Elefherios Petrounias è imbattibile ma la Cina si aggrappa a Liu e You per conquistare il Mondo. L’eliminazione del Campione Olimpico Zanetti apre le porte a tanti concorrenti a partire dai due statunitensi Wynn (terzo) e Whittenburg, l’eterno Van Gelder sogna il podio al pari del francse Ait Said e dell’armeno Vahagn.

 

Articoli correlati:

Mondiali 2015 – Volteggio tra Biles e Hong; staggi caldissimi. Chi vincerà?

Mondiali 2015 – Finali di Specialità: in palio le Olimpiadi 2016. Chi si qualifica?

Mondiali 2015 – Finali di Specialità: tutti gli ordini di rotazione

Lascia un commento

Top