Tuffi, Mondiali Kazan 2015: Batki-Verzotto sfiorano la medaglia! Sesti nel sincro misto

Batki-Verzotto-sincro-misto-tuffi-foto-da-pagina-fb-noemi-batki-fan-page.jpg

Esperimento promosso e rammarico azzurro. Due i verdetti che emana il sincro misto da 10 metri, al suo esordio ai Mondiali di tuffi a Kazan 2015. La gara non offre salti estremamente spettacolari, ma l’equilibrio è massimo e il finale oltremodo vibrante. La Cina prende il largo fin da subito, per il podio si arriva in volata: a una rotazione dalla fine ci sono quattro nazioni in poco più di un punto, con l’Italia seconda.

L’avvitamento indietro di Noemi Batki (abbondante) e Maicol Verzotto, però, non va oltre 63.36 punti e gli azzurri, che partono in sordina ma sognano il podio, si devono accontentare del sesto posto con 299.28 punti totali. A medaglia ci vanno, dietro ai cinesi Si Yajie-Tai Xiaohu (350.88) dominatori della gara, i canadesi Meaghan Benfeito-Vincent Riendeau (309.66) e gli australiani Melissa Wu-Domonic Bedggood (308.22). Il distacco è minimo, seppur in mezzo si infilano la sorprendente Corea del Nord (quarta, 305.52) e la delusa Russia (quinta, 304.14), e gli azzurri sanno di aver accarezzato a lungo una medaglia che sarebbe stata storica.

Peccato, quindi, perché dopo il bronzo di Matteo Furlan nella 5 chilometri di fondo l’Italia sarebbe potuta salire sul podio per la seconda volta in maniera inaspettata. Del resto la nuova specialità, introdotta dalla Fina lo scorso dicembre e testata solo alle World Series e ai Grand Prix, non presentava gerarchie nette: la lotta per il podio, apertissima ed emozionante, lo ha confermato. Per l’Italia due ottimi liberi (72 punti nel triplo e mezzo avanti e 73.92 nel triplo e mezzo ritornato) e, purtroppo, qualche punto di troppo perso nel secondo obbligatorio, con ancora la triestina abbondante nell’incrocio rovesciato-indietro. Potenziali medagliati, anche Francia, Messico e Giappone – settima, ottavo e nono – si mangiano le mani per un errore a testa. Alle 18.30 altra grande occasione per l’Italia: c’è il sincro 3 metri femminile, con Tania Cagnotto e Francesca Dallapè settime dopo l’eliminatoria ma cariche per confermare il podio di Barcellona 2013.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Noemi Batki Fan Page

Lascia un commento

Top