Boxe: Pacquiao-Mayweather, le cifre della sfida più ricca di sempre. Ultimo anno per entrambi?

Boxe-Manny-Pacquiao-FB.jpg

Si avvicina la data del 2 maggio 2015, che per tutti gli appassionati di boxe è oramai segnata da tempo con il doppio cerchio rosso sul calendario: nella notte italiana, si sfideranno a Las Vegas, Nevada, Floyd Mayweather e Manny Pacquiao, per unificare i titoli dei pesi welter e determinare probabilmente chi dei due sia il miglior pugile di sempre in questa categoria. Il “match del secolo” tra lo statunitense ed il filippino batterà tutti i record di incassi, con “Money” che si aggiudicherà il 60% delle entrate come da contratto. Difficile dire esattamente quanto varrà la sfida, ma secondo le stime potrebbe essere generato un traffico superiore ai 400 milioni di dollari, con biglietti che costeranno anche 10.000 dollari l’uno. Mayweather diventerebbe così l’atleta capace di guadagnare più soldi in una sola giornata, ed uno di quelli più pagati con un singolo contratto: per intenderci, il contratto triennale di Sebastian Vettel con la Ferrari vale 240 milioni, ma il tedesco dovrà correre una sessantina di Gran Premi per racimolare questa cifra.

Ma c’è un altro aspetto che renderà la sfida tra Pacquiao e Mayweather speciale: entrambi, infatti, potrebbero decidere di ritirarsi quest’anno dal professionismo. Il trentottenne statunitense ha di fatti dichiarato in questi giorni che quella con PacMan sarà il suo penultimo incontro della carriera. Il suo contratto con Showtime prevedeva infatti lo svolgimento di sei match, e quello con il filippino sarà il quinto. L’ultima sfida, invece, dovrebbe svolgersi a settembre, contro un avversario ancora da determinare.

Pacquiao, invece, dovrebbe chiudere la sua carriera proprio il 2 maggio, indipendentemente dall’esito dello storico match con il suo rivale. Il filippino di trentasei anni è già un membro della Camera dei Deputati del suo Paese (Kapulungan ng mga Kinatawan) e sembra che stia preparando la sua candidatura per il Senato nel 2016. A lungo termine, il pugile potrebbe poi puntare alla Presidenza della Repubblica, forse nel 2022.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top