Seguici su

24 Ore di Le Mans

FERRARI DA FILM! Epica vittoria alla 24 Ore di Le Mans tra diluvio e strategia folle! Antonio Fuoco in trionfo!

Pubblicato

il

Ferrari 50
Ferrari 50 / LaPresse

La Ferrari vince con la vettura n. 50 di Antonio Fuoco/Nicklas Nielsen/Miguel Molina la 92ma edizione della 24 Ore di Le Mans abbattendo nel finale la concorrenza della Toyota n. 7 di Kamui Kobayashi/Nick De Vries/José Maria Lopez. Il marchio di Maranello si conferma, ottenendo l’11ma affermazione della propria storia, dopo una gestione perfetta del carburante fino all’ultimo metro.

La ripartenza, dopo una lunghissima bandiera gialla dovuta al maltempo, ha rimescolato le carte ed ha acceso una spettacolare bagarre per la vittoria tra Earl Bamber (Cadillac Racing n. 2), in vetta davanti a Fred Mako (Porsche Penske Motorsport n. 5), Antonio Fuoco (Ferrari n. 50) e Robert Shwartzman (AF Corse Ferrari n. 83) e Sebastien Buemi (Toyota GR n. 8). I piloti citati hanno iniziato a duellare, il primo ed il secondo si sono contesi il successo nonostante una strategia differente.

La Cadillac ha continuato ad intraprendere un programma differente alla concorrenza, la Ferrari n.50 si è messa all’inseguimento del prototipo di General Motors dopo aver beffato in pista la 499P n. 83 di AF Corse. Leggermente più attardata, invece, la Porsche n. 5, rallentata da una penalità per aver infranto le regole in una Slow Zone.

Ferrari ha mostrato con la strategia di poter reggere il duello contro Toyota e contemporaneamente mettere pressione a Cadillac. La Rossa ha agguantato il comando delle operazioni a tre ore dalla fine, il marchio di Maranello ha però parallelamente perso la vettura privata n. 83 AF Corse per via di un problema elettrico.

A due ore dalla fine tutto è stato ribaltato nuovamente con l’ennesimo ritorno della pioggia. La Ferrari n. 50 ha lasciato la pit-lane con la portiera aperta, mentre la gemella n. 51 di Alessandro Pier Guidi agguantava la seconda piazza dopo un contatto con la Toyota n. 8 di Brendon Hartley.

La direzione di gara ha costretto la Ferrari n. 50 a fermarsi ai box per chiudere la portiera, la dinamica ha permesso alla Toyota n. 7 di trovare la leadership dopo una rimonta iniziata sabato pomeriggio dall’ultima posizione dello schieramento. Non è andata molto meglio alla gemella n. 51, sanzionata di 5 secondi per aver toccato la Toyota n. 8.

Il finale è stato incandescente, con la Ferrari n. 50 che ha provato a risparmiare una sosta sulla concorrenza allungando il più possibile il penultimo stint. Gli uomini di Maranello hanno cercato il tutto per tutto saltando la sosta, una missione apparentemente impossibile.

Nielsen ha però gestito al meglio ogni goccia di carburante ed ha saltato l’ipotetico rabbocco finale in pit-road. La Ferrari n. 50 ha quindi controllato il ritorno della Toyota n. 7, un risultato semplicemente storico dopo una giornata ricca di colpi di scena.

Kamui Kobayashi/Nick De Vries/José Maria Lopez (Toyota n. 7) si fermano in seconda posizione davanti alla Ferrari 499P n. 51 di Alessandro Pier Guidi/James Calado/Antonio Giovinazzi. Quarta posizione per Porsche Penske Motorsport n. 6, davanti a Toyota GR n. 8, Porsche Penske Motorsport n. 5, Cadillac Racing n. 2 e  Hertz JOTA Porsche n. 12.

United Autosports ORECA n. 22 ottiene la vittoria in LMP2 con Oliver Jarvis/Bijoy Garg/Nolan Siegel, mentre in LMGT3 è da rimarcare la gioia di Manthey EMA Porsche n. 91 con Richard Lietz/Morris Schuring/Yasser Shahin. La prossima tappa del FIA World Endurance Championship si terrà a San Paolo a luglio.

Per scoprire quote, pronostici, bonus, recensioni bookmaker su scommesse sportive e molto altro su sport betting è possibile consultare la nostra nuova sezione dedicata alle scommesse online