Palmisano e Stano, passerella vincente al Meeting di Padova da Campioni Olimpici. Weir bordata da 21.63

Il Meeting di Padova si è rivelato una passarella di gloria per Antonella Palmisano e Massimo Stano. I Campioni Olimpici della 20 km di marcia si sono cimentati in una gara di 2000 metri allo Stadio Colbachini: un vero e proprio sprint per due atleti di fatica, che naturalmente non hanno avuto particolari problemi a imporsi. Il pugliese taglia il traguardo in 7:51.98 davanti ad Aldo Andrei (7:52.14) ed Emiliano Brigante (7:52.25). La sua corregionale dà una piccola frustata negli ultimi trecento metri, in modo da vincere in 9:07.65 davanti a Valentina Trapletti (9:07.94) e Federica Curiazzi (9:09.36).

I due fuoriclasse del tacco e punta hanno potuto fare festa in mezzo al pubblico su una distanza ridotta e in pista. Zane Weir continua a fare invece tremendamente sul serio e, dopo il quinto posto nel getto del peso alle Olimpiadi, piazza una bordata da 21.63 metri e migliora il suo personale di ben 22 centimetri (21.41 nella finale dei Giochi). L’italo-sudafricano non riesce a vincere perché lo statunitense Josh Awotunde si inventa un 22.00 all’ultimo tentativo. Leonardo Fabbri è terzo in 20.58 (lo scorso anno si spinse fino a 21.99 in questo meeting).

Sui 100 metri si corre veloce, lo statunitense Michael Norman vince in 9.97 beffando per un centesimo il suo connazionale Marvin Bracy, alle loro spalle Ronnie Baker (10.10) e Justin Gatlin (10.17). Al femminile, invece, Javianne Oliver e Sha’Carri Richardson timbrano 11.19, ma la spunta l’argentino olimpico della 4×100 per questione di millesimi.

Edoardo Scotti si distingue sui 400 metri, realizzando lo stagionale di 45.58 e chiudendo alle spalle dello statunitense Wilbert London (45.22), mentre Davide Re è sesto (46.19). Elena Bellò quinta sugli 800 metri (2:00.88) della russa Gulyalyeva (1:59.57). Paolo Dal Molin è secondo sui 110 ostacoli in 13.45 alle spalle del giamaicano Ronald Levy (13.34 per il bronzo olimpico). Ayomide Folorunso settima (53.06) e Raphaela Lukudo ottava (54.43) sui 400 metri della giamaicana Stephanie McPherson (50.78). Salto in lungo all’ucraina Maryna Bekh-Romanchuk (6.70), l’asta è della russa Anzhelika Sidorova (4.70 per la Campionessa del Mondo).

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Softball: Metalco Thunders Castellana in semifinale, traguardo storico per le venete

Canoa velocità, Mondiali U23 e Juniores: Flavio Spurio argento nel K1 200