NASCAR, Bristol: Larson rovina la festa di Harvick, vince per la sesta volta

Kyle Larson vince anche anche la night race di Bristol NASCAR Cup Series. Sesto acuto stagionale per il #5 di Hendrick Motorsport che si impone per la prima volta nel famoso short track statunitense dopo una bellissima rimonta a Kevin Harvick.

Le emozioni non sono mancate sin dalla prima frazione con Denny Hamlin (Gibbs #11) e Kyle Larson (Hendrick #5) che si sono contesi la Stage 1. Martin Truex Jr (Gibbs #19) e Chase Elliott (Hendrick #9) hanno ceduto nel finale al tre volte vincitore della Daytona 500 che nel corso del 122° passaggio ha subito il primo attacco dalla Camaro #5. Il campione della regular season ha perso la sfida nel traffico con la Camry #11 che ripreso la leadership ed ha messo in bacheca la Stage 1

Il primo colpo di scena è arrivato all’inizio della seconda frazione con Elliott che è stato relegato in fondo al gruppo per aver superato il limite di velocità in pit road. Al restart, intanto, Larson prendeva in mano la situazione su Brad Keselowski (Penske #2) ed Hamlin.

Il secondo problema per un protagonista dei Playoffs è arrivato in occasione della terza neutralizzazione con Aric Almirola (Haas #10) che ha avuto dei problemi al motore. L’alfiere di Ford è stato costretto a rimontare, mentre in vetta riprendeva ll duello tra Larson ed Hamlin.

Dopo una breve bandiera rossa per ripulire la pista, la Stage 2 si è conclusa a favore della Camaro #5 di Larson che negli ultimi giri ha saputo gestire il ritorno di Hamlin. 14° affermazione in un segmento di gara per il californiano che, lo ricordiamo, era già certo del passaggio al ‘Round of 12’ grazie ai punti conquistati durante la stagione.

Kevin Harvick (Haas #4), Joey Logano (Penske #22), Ryan Blaney (Penske #12) hanno ricevuto, dopo la chiusura della Stage 2, l’accesso matematico al ‘Round of 12’, una certezza importante per molti a poco più di 200 passaggi dalla fine. La Ford #12 del ‘Capitano’ ha provato ad allungare sulle altre due auto citate, una missione non riuscita.

Harvick ha preso in mano la corsa prima del ritorno di Hendrick Motorsport con Elliott e Larson. Il #9 ha salutato la Top3 a 30 giri dalla fine in seguito ad un problema all’anteriore sinistra, un danno che ha avuto qualche giro più tardi anche Christopher Bell (Gibbs #20), in lotta per i Playoffs. L’anteriore destra non ha condannato il pilota Toyota che continua la lotta per il titolo dopo l’Elimination race di questa notte.

Larson si è avvicinato più volte ad Harvick che ha dovuto alzare bandiera bianca a 3 giri dalla fine. Il californiano, aiutato da Elliott e Byron, svetta sull’alfiere di Haas che non ha ancora vinto in questo 2021.

La night race di Bristol esclude dalla lotta al titolo Tyler Reddick #8, Aric Almirola #10, Kurt Busch #1 e Michael McDowell #34. Si salvano, invece,  William Byron #24 e Kyle Busch #18 che fino all’ultimo hanno rischiato di uscire di scena.

Appuntamento settimana prossima da Las Vegas per il ‘Round of 12’, la seconda parte dei Playoffs 2021.

CLASSIFICA FINALE NASCAR CUP SERIES BRISTOL (PLAYOFFS)

 

1 #5 Kyle Larson (P) +4 LEADER
2 #4 Kevin Harvick (P) +6 +00.227
3 #24 William Byron (P) +11 +00.412
4 #12 Ryan Blaney (P) +3 +01.439
5 #48 Alex Bowman (P) +6 +01.619
6 #2 Brad Keselowski (P) +4 +01.789
7 #19 Martin Truex Jr. (P) −6 +03.680
8 #43 Erik Jones +14 +05.971
9 #11 Denny Hamlin (P) −7 +06.096
10 #21 Matt DiBenedetto +9 +06.941
11 #22 Joey Logano (P) −8 +07.965
12 #8 Tyler Reddick (P) +1 +08.328
13 #14 Chase Briscoe # +7 +09.594
14 #42 Ross Chastain +3 +13.153
15 #3 Austin Dillon +3 +13.726
16 #23 Bubba Wallace +12 +14.726
17 #37 * Ryan Preece +10 +14.869
18 #10 Aric Almirola (P) −6 +15.423
19 #1 Kurt Busch (P) −4 +15.884
20 #47 Ricky Stenhouse Jr. +3 1 LAP
21 #18 Kyle Busch (P) −12 1 LAP
22 #99 Daniel Suarez −1 2 LAPS
23 #17 Chris Buescher +2 2 LAPS
24 #34 Michael McDowell (P) −8 2 LAPS
25 #9 Chase Elliott (P) −21 3 LAPS
26 #7 Corey LaJoie +5 3 LAPS
27 #51 JJ Yeley(i) +8 5 LAPS
28 #41 Cole Custer −2 6 LAPS
29 #20 Christopher Bell (P) −23 7 LAPS
30 #53 Garrett Smithley(i) +6 13 LAPS

 

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Volley, Fefé De Giorgi: “Ragazzi straordinari, hanno bruciato le tappe”. Italia in finale agli Europei

Superbike oggi, GP Catalogna 2021: orari superpole race e gara-2, tv, programma, streaming Sky e TV8