MotoGP, Claudio Domenicali: “A volte ti viene il dubbio che il tuo pensiero non sia quello giusto”

Claudio Domenicali, amministratore delegato della Ducati, mostra la sua soddisfazione dopo il week-end del GP di San Marino e della Riviera di Rimini, quattordicesimo atto del Motomondiale 2021. Francesco Bagnaia ha regalato alla Ducati la seconda competizione italiana del 2021 dopo una bellissima battaglia contro Fabio Quartararo (Yamaha).

Il dirigente italiano ha commentato ai microfoni della ‘Gazzetta dello Sport’: “Ho impiegato tre ore e mezza per il traffico per tornare a casa, ma sono state bellissime. Dopo un weekend così ti viene da pensare a tutto quello che c’è stato per arrivare a quel momento”.

Domenicali ha continuato con una considerazione sulle scelte fatte negli ultimi anni: “A volte ti viene il dubbio che il tuo pensiero non sia quello giusto, perché non sei così vicino al campo. Dove siamo oggi mi rinforza nei convincimenti che certe scelte passate non fossero completamente corrette”.

Ducati ha chiuso domenica un week-end perfetto. Il britannico Scott Redding ed il nostro Michael Ruben Rinaldi hanno vinto le due competizioni di Barcellona della Superbike, mentre Bagnaia si è imposto in Romagna al termine di una bellissima lotta.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Francesco Bagnaia Motomondiale 2021

ultimo aggiornamento: 21-09-2021


Lascia un commento

Ciclismo: Dave Brailsford lascia la gestione della Ineos Grenadiers

Calcio, Mondiali Qatar 2022: i giocatori non vaccinati verso l’esclusione. Ma c’è un piano B