Hockey ghiaccio, Alps League 2021-2022: Asiago schianta Gherdeina

Una nuova serata di Alps League va in archivio, relativamente all’inizio della stagione 2021-2022. Questa sera, 14 settembre, erano tre le sfide in programma. Andiamo a vedere come sono andate.

Nell’incrocio italiano Gherdeina-Asiago a imporsi nettamente sono gli ospiti che, con il punteggio di 0-5, schiantano i padroni di casa. I veneti dominano sin dalle prime battute del match andando a segno con Iacobellis, Magnabosco e Marchetti nel primo periodo, chiuso sullo 0-3, e Lievore e Salinitri nel secondo, per poi anestetizzare il duello negli ultimi venti minuti. 

Le altre due sfide in programma hanno invece visto vincere il Lustenau per 4-2 sui Red Bull Hockey Juniors e l’EC-KAC Future Team per 1-4 sulla pista del BEMER VEU Feldkirch.

L’Alps League, come da calendario, tornerà protagonista giovedì 16 settembre con 5 sfide in programma: EC-KAC Future Team-EK Die Zeller Eisbären (h 19.00), Steel Wings Linz-HDD SIJ Acroni Jesenice (h 19.00), Vipiteno-Red Bull Hockey Juniors (h 20.00), Fassa-Cortina (h 20.30), Merano-Renon (h 20.30).

In ottica italiana, inevitabilmente, ci sarà grande attenzione su Vipiteno-Red Bull Hockey Juniors e gli incroci tutti azzurri Fassa-Cortina e Merano-Renon.

Foto: Carola Semino

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

VIDEO Villarreal-Atalanta 2-2, gol Champions League: highlights e sintesi. Gli orobici si salvano nel finale

WTA Lussemburgo 2021, risultati 14 settembre: Ostapenko e Vondrousova avanti facile, Minella l’incubo di Gracheva