Vuelta a España 2021, il borsino della quindicesima tappa: a El Barraco gli uomini da fughe hanno un’altra ghiotta occasione

La seconda settimana della Vuelta a España 2021 terminerà oggi con la Navalmoral de la Mata-El Barraco, una tappa di quasi 200 chilometri ricca di salite lunghe e pedalabili. Sulla carta, si tratta di un’altra giornata adatta alla fuga. Il percorso suggerirebbe addirittura un tris di Michael Storer, il quale sta benissimo e oggi troverà tanto terreno adatto a un corridore con le sue caratteristiche.

Romain Bardet e Damiano Caruso potrebbero, a loro volta, muoversi di nuovo. I due sono in lotta per la maglia a pois e oggi si assegnano parecchi punti. Tra i potenziali fuggitivi di giornata che possono fare molto bene sul tracciato della Navalmoral de la Mata-El Barraco, citiamo anche il basco Ion Izagirre e il danese Andreas Kron.

Per quanto concerne gli uomini di classifica, difficilmente qualcuno terrà chiusa la corsa. Non sembra esserci il terreno, infatti, per fare la differenza. Ad ogni modo, se dovessero giocarsela i big, oltre ai soliti nomi come Roglic, Mas e Bernal, potrebbero essere della partita per il trionfo parziale anche Gino Mader, che ha le qualità per fare la differenza in discesa, e Felix Grossschartner, che può dire la sua in volata ristretta.

I FAVORITI DELLA QUINDICESIMA TAPPA DELLA VUELTA 2021

***** Michael Storer
**** Andreas Kron, Ion Izagirre, Damiano Caruso, Romain Bardet
*** Primoz Roglic, Enric Mas, Egan Bernal, Jack Haig, Miguel Angel Loez
** Clément Champoussin, Mark Padun, Gino Mader, Felix Grossschartner, Andrea Bagioli, Mauri Vansevenant, Lucas Hamilton
* Lilian Calmejane, Geoffrey Bouchard, Jay Vine, Gorka Izagirre, Luis Leon Sanchez, Alexander Vlasov, Wout Poels, Jan Tratnik, Jonathan Lastra, Fernando Barcelo, Jesus Herrada, Magnus Cort, Antonio Soto, Mikel Bizkarra, Jhonnatan Narvaez, Pavel Sivakov, Simone Petilli, Rein Taaramae, Jan Hirt, James Piccoli, Harm Vanhoucke, Steff Cras, Maxim Van Gils, Michael Matthews, Robert Stannard, Nick Schultz, Damien Howson, Fabio Aru, Sergio Henao

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Softball, Serie A1 2021: MKF Bollate vincente su Parma con sofferenza, Castellana e Forlì si dividono le vittorie

Baseball, Serie A 2021: poule salvezza, Fiorentina retrocessa in B. Vincono Torino e Ronchi dei Legionari